Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda
di C.d.G.

E’ dagli Stati Uniti che partono tutte le novità riguardanti il bere miscelato. Ed è proprio per quel mercato che le Distillerie Bonollo hanno creato una grappa da utilizzare come elemento importante di nuovi cocktail. 

Si tratta di Gra’it, una grappa fedele alla tradizione e al contempo innovativa, perché in grado di sposare altri ingredienti per la realizzazione di cocktail unici e strepitosi e, come vedremo in questi giorni a Milano, è diventato addirittura l’ingrediente caratterizzante di alcune composizioni. Perché, dicono nel “quartier generale” di Bonollo, a Conselve, in provincia di Padova, l’eccellenza produttiva racchiusa in Gra’it ha permesso di ottenere una grappa dal carattere ricco e morbido, estremamente piacevole, ma anche versatile in quanto sorprendentemente capace di abbinarsi con altri distillati ed ingredienti per creare cocktail innovativi. Per fare conoscere Gra’it ai buongustai americani, Bonollo ha addirittura organizzato una competizione fra i migliori bartender di tutto il mondo, la Gra’it Challenge che, poi,  è la prima competizione di bartender di cui è protagonista una grappa. Che come sappiamo tutti, è la massima espressione dell’arte distillatoria italiana, prodotto di grande tradizione, che la Bonollo ha saputo innovare continuamente e, comunque, consumata da sola, per puro piacere.

Dopo queste innovazioni (per esempio la Grappa of Amarone Barrique, nata nel 1999, proponendo un’acquavite dal carattere inimitabile, in grado di competere con successo nel panorama dei grandi distillati internazionali e di proporre un modello di consumo più attento e moderno e, elevando, l’invecchiamento, ha posto le basi per lo sviluppo del segmento delle grappe barrique che oggi rappresenta la più elevata espressione qualitativa delle grappe maturate in legno), a Luca Fabris, ceo di Distillerie Bonollo Umberto Usa, è venuta l’idea di una grappa da cocktail e dopo tre anni di lavoro, è nata Gra’it, con cui parte la sfida ai big del bere miscelato. L’avventura è cominciata negli States, patria della mixology e dei locali più glamour, qualche mese fa con la collaborazione della Usbg (United States Bartenders' Guild). Miami, NewYork, Los Angeles, Austin e Chicago sono state le 5 tappe della Challenge dove si sono sfidati 50 concorrenti. Quindici di loro, tre finalisti per ogni tappa, si sono sfidati il 21 giugno nella competizione finale a Miami, dove sono stati scelti i 7 vincitori della Challenge. I locali più cool d’America, i bartender di tendenza e tanto pubblico (oltre 10.000 persone) hanno accompagnato il road show di Gra’it negli Stati Uniti. Che adesso arriva in Italia, partendo da Milano, mercoledì 27 e giovedì 28, con  i 7 guru della mixology che hanno vinto la Gra’it Challenge – Giorgia Crea, Hector Acevedo, Franky Marshall, David Bonatesta, Meredith Barry, Ryan Wainwright e William Benedetto – che verranno per conoscere gli aspetti principali del “vivere italiano” -  alchimia, design, moda, cucina, paesaggi unici, i tre bar più cool e l’eccellenza enologica – ma, anche, per  presentare i loro cocktail in tre prestigiosi locali come – mercoledì 27 - Mag Cafè (Ripa di Porta Ticinese, 43) a partire dalle 22.30; e Iter di Via Mario Fusetti 1, dove i bartender vincitori della Challenge si esibiranno per proporre i loro cocktail a base di Gra’it. E, giovedì, Caruso Fuori Restaurant Bar (Piazzetta Croce Rossa, ingresso  Grand Hotel et De Milan), per l’aperitivo con finger food e cocktail a base di Gra’it. 

Protagonista della sfida è  l’Alchemixology, cioè l’alchimia nel bicchiere. Questo termine descrive il contributo di innovazione e creatività che Gra’it vuole portare nella Mixologia mondiale: con Gra’it la Grappa diventa protagonista in quanto i bartenders, in chiave alchemica, sono chiamati a mettersi in gioco nella ricerca del “cocktail perfetto” attraverso combinazioni innovative di ingredienti diversi con Gra’it, la grappa.

Michele Pizzillo


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search