Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 04 Marzo2020
I nuovi componenti del Cda: Vincenzo Ampola, Paolo Di Maria e Letizia Russo

La Doc Sicilia rinnova il suo Cda. E amplia il numero dei componenti portandoli da 9 a 12. Tutti riconfermati i nove uscenti più tre new entry. E venerdì il nuovo Cda è chiamato ad eleggere il nuovo presidente.

Antonio Rallo è presidente da due mandati consecutivi, ora va verso il terzo. Non ci dovrebbero essere sorprese. Ma con l’assemblea dei soci di venerdì scorso è stato deciso anche lo slittamento dell’introduzione delle fascette anti contraffazione per i vini Doc Sicilia. Non più l’1 gennaio 2021, ma l’1 gennaio 2022. Un anno di tempo in più per consentire l’organizzazione alle aziende che dovranno munirsi di strumenti idonei all’applicazione delle fascette sulle bottiglie. Ma anche un po’ di cautela in più dopo la sentenza del Tar sull’uso del nome Grillo e Nero d’Avola innescata dal ricorso di Duca di Salaparuta (che rischia di mettere in discussione l’intero sistema della Doc Sicilia). Pur tuttavia avere incassato dal Consiglio di Stato la sospensiva alla sentenza del Tar (leggi qui) ha fatto tirare un sospiro di sollievo ai componenti del Cda del consorzio, ora più fiduciosi sul fatto che i giudici amministrativi nel merito possano ribaltare la sentenza di primo grado riportando tutto a quanto aveva deciso la Doc Sicilia e l’associazione dei produttori Igt Terre Siciliane. L’udienza per discutere la vicenda è fissata per fine maggio e prima di poter leggere la sentenza potrebbero passare alcuni mesi, ecco anche perché la decisione di un rinvio. Poi c’è pure la questione molto complessa della gestione delle fascette, compito che dovrà essere affidato all’ente di certificazione, che in questo momento è l’Irvo. Al quale il consorzio Doc Sicilia nei prossimi mesi dovrà confermare o disdire l’incarico. Un’altra partita delicatissima. Insomma, è stato ritenuto che un anno di tempo era più che utile.

E veniamo ai componenti del Cda. Riconfermati dal voto dell’assemblea (circa una trentina i soci presenti) Antonio Rallo per Donnafugata, Alessio Planeta per l’omonima azienda, Laurent Bernard de la Gatinais per Rapitalà, Filippo Paladino per Colomba Bianca, Gaspare Baiata per Cantine Paolini, Giuseppe Bursi per Cantine Settesoli, Nicolò Vinci per Cantine Europa (presidente dall’anno scorso al posto di Eugenio Galfano), Salvatore Chiantia per cantina La Vite ed Alberto Tasca d’Almerita per l’omonima azienda. I nuovi componenti, eletti grazie alla modifica dello statuto che porta i componenti da 9 a 12 sono Letizia Russo per Feudo Arancio-Mezzacorona, Vincenzo Ampola per Cantina di Petrosino e Paolo Di Maria per Ermes. Delle aziende rappresentate dai 12 componenti sei sono in provincia di Trapani, tre in provincia di Agrigento, due in provincia di Palermo e una in provincia di Caltanissetta.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

4) Pane, olio e zucchero

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search