Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 19 Dicembre2013

Rudy Kurniawan colpevole.

Il verdetto è stato emesso ieri all’U.S. District Court di New York. Dopo una settimana intensa trascorsa nell'aula del tribunale tra le prove presentate dall'accusa e dalla difesa, la giuria ha deciso. Il falsasio indonesiano che ha piazzato per anni nel mercato fine wine falsi mettendo in piedi una truffa milionaria, la più grande in questo ambito, è stato dichiarato colpevole. Secondo i capi d'accusa, tra cui anche la frode telematica, si prospettano per Kurniawan 40 anni di reclusione. Le prove della colpevolezza presentate alla giuria nei giorni scorsi sono state talmente schiaccianti da accorciare i tempi del processo. Si è concluso, prima del previsto (per leggere l'articolo cliccare qui). Innumerevoli le foto di repertorio che illustravano il laboratorio sequestrato dall'Fbi nel marzo del 2012 che si trovava all'interno della casa dove viveva il collezionista ad Arcadia, in California, e determinanti le testimonianze chiave dei esperti autenticatori di vino. Cala il sipario su un caso che ha fatto tribolare non pochi collezionisti e facoltosi wine lover e anche ristoratori di tutto il mondo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search