Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 28 Febbraio2020

I produttori dell’unica Docg siciliana, il Cerasuolo di Vittoria, sono chiamati domani a votare i nuovi componenti del consiglio di amministrazione del consorzio di tutela.

Non sarà una elezione di routine perché dei sei componenti del Cda uscente solo uno è ricandidabile. Gli altri cinque hanno fatto due mandati consecutivi e lo statuto non consente un terzo mandato consecutivo. È una norma stringente che il Cda uscente ha cercato di modificare ottenendo però il no del ministero. D’altra parte con l’erga omnes che è stato concesso al consorzio il ministero può dire la sua. Massimo Maggio, presidente uscente si è già dimesso oltre due mesi fa per accelerare l’avvicendamento. Ma è servito a poco. Con lui escono di scena, almeno per questa tornata Arianna Occhipinti, che era anche vice presidente, Marco Calcaterra, Francesco Ferreri (attuale presidente della Coldiretti in Sicilia) e Guglielmo Manenti. L’unico che ha svolto un solo mandato nel cda del consorzio è Giovanni Calcaterra di Tenute Bastonaca che risulta tra i candidati per il nuovo cda. Lo scenario è quindi quello di un consorzio che potrebbe vedere un turn over del 100 per cento dei componenti del suo organo decisionale. I giochi sono aperti.

Undici i candidati per sei posti nel futuro cda suddivisi nelle varie categorie produttori, vinificatori e imbottigliatori. E tra questi spiccano nomi del calibro di Alessio Planeta e Antonio Rallo (il primo presidente di Assovini e il secondo presidente della Doc Sicilia) entrambi produttori o imbottigliatori di Cerasuolo. E poi il già citato Calcaterra e ancora Giuseppe Romano, Achille Alessi di Terre di Giurfo, Valentina Nicodemo di Judeka, Martina Francesca Giudice della nuova cantina Horus, Gaetana Jacono di Valle dell’Acate, Andrea Annino di Tenuta Valle delle Ferle, Silvio Balloni di Feudo Santa Tresa e Pierluigi Cusenza di Poggio di Bortolone. Ed è utile ricordare che il voto è ponderale pertanto chi ha più ettari vitati rivendicati e produce più bottiglie potrà contare su più voti.

Ma intanto come sta il Cerasuolo di Vittoria, unico vino siciliano a fregiarsi della Docg? Massimo Maggio prova a tracciare un bilancio della sua presidenza evidenziando che il valore medio di questo vino che mette insieme Nero d’Avola e Frappato è più che raddoppiato passando “dai 4,50 euro a bottiglia venduta franco cantina nel 2013 agli attuali 10/12 euro di oggi”. Ed includendo in questo ragionamento anche la versione Classico che può essere rivendicata in una piccola parte del territorio della Docg. L’intera denominazione oggi tocca tre province e una decina di comuni. In tutto circa 800 mila bottiglie. Tuttavia la quantità della produzione è calata. Lo confermano i dati ufficiali che parlano di 5.131 ettolitri confezionati nel 2019 (che potrebbero includere vendemmie di annate precedenti) contro i 6.410 ettolitri del 2017. E a giustificare il calo non basta il leggero incremento della Doc Vittoria che passa dai 2.347 ettolitri del 2017 ai 2.508 del 2019. Dove a regnare incontrastato è il Frappato, vitigno che sta suscitando un forte interesse per la sua unicità e la sua beva moderna. Perché questa varietà di uva da sola può rivendicare il marchio Doc Vittoria.

Luci e ombre. La sensazione è che il territorio si è mosso poco ancora come unica entità a dispetto di una denominazione che potrebbe essere un forte volano per tutti e forse meriterebbe più slanci collettivi. Lo testimonia anche il fatto che a 15 anni dall’ottenimento della Docg il consorzio non ha attivato in modo deciso e costante le leve della promozione. Con la presidenza Maggio è arrivato anche l’erga omnes e i tre centesimi a bottiglia che in media ha sborsato ogni produttore dovrebbero portare alle casse del consorzio, secondo la stima del presidente uscente, circa 50 mila euro, soldi con cui poter avviare qualche iniziativa. Ma ancora non è successo nulla. Il tema finirà nell’agenda del nuovo cda che sarà eletto domani. Se ci sarà la volontà.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search