Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari
Davide Paolini

di Giorgio Vaiana

Davide Paolini per tutti è il gastronauta. Grande conoscitore della ristorazione italiana e curatore della rubrica domenicale ora quindicinale del Sole24Ore "A me mi piace".

Con lui cerchiamo di immaginare il futuro della ristorazione italiana, sperando in una ripresa veloce e immediata dopo questa terza ondata del coronavirus. "Ci sarà un grande boom della ristorazione - dice Paolini - Penso che tutti vorranno correre a mangiare fuori. Immagino che molti abbiano i miei stessi sentimenti, un po' una crisi di astinenza. Io, per esempio non vado a mangiare fuori da ottobre e non appena si potrà, lo farò di gran corsa". Per Paolini non tutti saranno pronti a questa grande ripresa: "Ci saranno molte chiusure, è vero - dice Paolini - ma sento dire in giro di molte aperture, di tante novità, di gente che ha il coraggio di investire in questo settore forse nel suo momento peggiore. Credo che alla fine la cosa non sarà così tragica come molti hanno paventato, soprattutto dal punto di vista economico".

I ristoranti, però, dovranno confrontarsi con un nuovo mondo, un nuovo modo di fare cibo e di proporlo. "Penso che ci sarà una rivoluzione nei menu - dice Paolini - Non ci saranno più quei piatti arzigogolati, complicati e creativi. Ecco, credo che chi ha sempre fatto e proposto questo tipo di cucina si troverà molto in difficoltà. La gente adesso vuole semplicità e qualità. Anche perché ormai ci si è abituati a mangiare sempre a casa, scoprendo magari piatti vecchi, tradizionali e molto sani. Insomma si cercherà magari di più il cibo salutare, quello semplice e poco creativo". Dunque per Paolini "trattoria rules", la riscoperta di questi luoghi un po' bistrattati nell'ultimo periodo, ma precisa: "Gioco-forza ci sarà un ridimensionamento del gourmet - dice - Rimarranno i creativi bravi, che però non sono pompati al massimo e millantano molto, ci sarà una "sgrumatura" della verità". Poi un passaggio sulle Guide e sulle stelle Michelin: "Io le stelle non le sopporto più - dice - Sono graduatorie artificiose che danno il successo ad alcuni e lo negano a molti altri. La realtà non è di certo mai rispettata".

E sulle guide: "Ne ho a sufficienza delle guide - dice - non le guardo da anni, sono inutili orpelli che non servono a nulla. La gente si dovrà adattare a scegliere il locale giusto secondo il proprio fiuto, la propria intuizione e la capacità di discernere. Poi in tanti settori non ci sono le guide eppure si va avanti. Penso alla moda. Non ci sono guide, eppure la gente continua ad acquistare un capo di abbigliamento o un paio di scarpre secondo il libero arbitrio. Prendo le distanze da coloro che dicono che la critica sia oggettività. C'è sempre un filo di soggettività del gusto. E cito un grande filosofo (si riferisce a Immanuel Kant che dice che il giudizio di gusto assegna il suo oggetto esclusivamente alla sfera soggettiva, ndr). E appena potrà, Paolini dove andrà: "In giro per trattorie di certo - dice Paolini - Sperando che quelle rimaste non si siano fatte ammaliare dalla conquista di qualche "grande" chef che abbia stravolto il vero senso della trattoria".

Commenti   

+3 #2 Salvatore Passalacqu 2021-03-24 08:17
Devo essere onesto, pur trovandomi d'accordo su alcuni concetti di quello che dice, non capisco da che pulpito viene questa predica. Non è forse stato lui a provare a fare l'ennesima "guida"? Il Golosario docet E probabile che non sia andata come prevedeva, ergo, le guide non vanno più bene.
Citazione
+1 #1 Paolo Pellegrini 2021-03-23 21:27
D'accordissimo con lui, ma è da mo' che in tanti lo predichiamo
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

3) Scampi dello Jonio, foie gras e castagne silane

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search