Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 17 Marzo2022
Emanuele Imprudente e Valentino Di Campli

di Emanuele Scarci

Da un lato, si sono ridotte drasticamente le Igt, dall’altro, si sono moltiplicate le segmentazioni per territori e micro-territori dei vini d’Abruzzo.

Si creerà più confusione nella testa del consumatore americano, tedesco o cinese? “Noi abbiamo solo replicato quanto fatto dalla Borgogna qualche secolo fa” ha risposto Valentino Di Campi, presidente del Consorzio vini d'Abruzzo, nel corso della presentazione alla stampa del nuovo Modello Abruzzo che cambierà in profondità il panorama delle denominazioni in regione (lo avevamo anticipato in questo articolo). L’obiettivo dichiarato è di raddoppiare il peso della Doc. La produzione media dei vini d’Abruzzo è di 3,5 milioni di ettolitri (467 milioni di bottiglie), di cui il 40% Doc. L’obiettivo è arrivare all’80%. “Del resto – ha aggiunto Di Campli – siamo obbligati a questo passo se vogliamo risultare credibili per il consumatore. Non basta spiegare al consumatore americano che il Montepulciano di un territorio è diverso da quello di un altro: è necessario riportarlo in etichetta”.

“E’ nato ufficialmente il vino d’Abruzzo - ha annunciato, dal suo canto, il vicepresidente della Regione Abruzzo Emanuele Imprudente -. Si tratta di un passo decisivo nel percorso di crescita qualitativa che punta ad avvalorare il vino abruzzese esaltando i differenti territori e la straordinaria biodiversità all’interno di un Abruzzo sempre più coeso e capace di fare squadra”. Questa straordinaria biodiversità in futuro consentirà di arrivare ai cosiddetti “cru”, alle Unità geografiche aggiuntive comunali, fino alla singola menzione di “vigna”. Anche per questo, a margine della presentazione, Imprudente ha detto chiaramente che “ci vorrà del tempo, ma da oggi lanciamo la nostra sfida ai grandi vini italiani di qualità”.

Semaforo verde
Il via libera è arrivato in questi giorni dal Mipaaf, con l’accoglimento da parte del Comitato nazionale vini della proposta fatta nel 2019 dai produttori del Consorzio vini d’Abruzzo che introduce la menzione Superiore per le Dop “d’Abruzzo” con il taglio da 8 a 1 della Igt. Obiettivo del nuovo modello è di rafforzare l’identità dell’enologia regionale, valorizzando i singoli territori e rendendo più riconoscibile la scala dei valori. I princìpi guida del “Modello Abruzzo” sono secondo il Consorzio: semplificazione, cioè meno denominazioni; identità comune rafforzata, con la dicitura “d’Abruzzo” per tutti ma distinta per territori e micro-territori; segmentazione qualitativa, con l’introduzione della menzione Superiore per i Dop regionali come i vini Montepulciano d’Abruzzo, Trebbiano d’Abruzzo, Cerasuolo d’Abruzzo, Pecorino d’Abruzzo, Passerina d’Abruzzo, Cococciola d’Abruzzo, Montonico d’Abruzzo, che potranno fregiarsi in etichetta delle appellazioni provinciali; adeguamento al reale potenziale produttivo regionale; il tutto nell’ottica di sostenibilità sociale, economica ed ambientale.

Promozione più facile
“Il riconoscimento di una qualità superiore e dell’identità comune d’Abruzzo per le Doc - ha aggiunto Di Campli - permetterà di rendere più facile la promozione e di esaltare sempre di più il binomio vino/territorio; d’altro canto l’introduzione di un’unica Igt Terre d’Abruzzo con il riferimento al territorio distintivo che va a sostituire le 8 attutali crea una forte immagine regionale sopperendo all’attuale frammentarietà poco incisiva”. Le quattro appellazioni provinciali per le Doc “d’Abruzzo” che potranno fregiarsi delle menzioni Superiore e Riserva saranno: Colline Teramane, Colline Pescaresi, Terre de L’Aquila e Terre di Chieti.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search