Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 11 Maggio2021

"L’ultima porcata della Politica agricola dell’Unione europea si chiama vini senza alcol o vini annacquati.

Una porcata voluta e votata dai partiti politici nazionali italiani, dal Pd alla Lega, da Forza Italia a tutto il centrodestra, fino al Movimento 5 Stelle. Una porcata che va a colpire i produttori di vino italiani, da Nord a Sud. Sì, perché questa volgare speculazione penalizza tutto il settore enologico italiano. E questo dovrebbe fare riflettere non soltanto gli agricoltori e i veri produttori di vino del Sud Italia e della Sicilia, ma anche gli agricoltori e i veri produttori di vino del Nord Italia ”. Lo dice Franco Calderone, coordinatore di Equità Territoriale (EQ) in Sicilia. "Quello che sta succedendo è incredibile - aggiunge Calderone - E dà la misura non soltanto di quanto sono pericolosi gli speculatori che gestiscono la Politica agricola comune europea, ma anche di come i partiti politici nazionali italiani siano sempre pronti a tradire gli interessi del nostro Paese, appoggiando, in questo caso, una speculazione contro il vino italiano. Di fatto, le multinazionali si apprestano a mettere sul mercato un prodotto che non è vino spacciandolo per vino. Perché un conto è ammettere - e confessarlo ai consumatori - che stanno vendendo acqua e vino, altra è ben diversa cosa è dire che stanno vendendo il vino, un po’ più ‘leggero’ rispetto ad altri vini, ma pur sempre vino. I vini senza alcol consentiranno alle multinazionali di entrare nei Paesi dove, vuoi per cultura, vuoi per religione, non si beve alcol: e loro, le multinazionali, gli venderanno il ‘vino senza alcol’. E pazienza se penalizzeranno chi produce il vero vino! Questo, lo ripeto, danneggerà i produttori di vino che verranno colpiti, perché il loro vino avrà come concorrente un non-vino che l’Unione europea ha deciso di chiamare comunque vino”.

“Il vino senza alcol fa seguito allo zuccheraggio dei vini voluto sempre dall’Unione europea. Zuccheraggio dei vini che consentirà al alcuni Paesi del Nord Europa di produrre vini con lo zucchero di bietola, senza l’obbligo di indicare in etichetta che stanno vendendo un vino prodotto senza uva! Così i veri produttori di vino sul mercato dei vari vini avranno come concorrenti chi produce vino senza uva; e avranno pure come concorrenti chi venderà ad alcuni Paesi un non-vino chiamato vino! Il tutto per penalizzare chi produce vero vino con l’uva”. “E’ importante che tutti i produttori di vino italiani - ribadiamo, del Sud e anche del Nord Italia - sappiano che nel Parlamento europeo solo quattro eurodeputati italiani hanno votato no al vino annacquato. Sono Ignazio Corrao, Rosa d’Amato, Eleonora Evi e Laura Ferrara. Tutti gli altri hanno votato sì. Gli elettori della Sicilia, del Sud Italia e del Nord Italia e i produttori italiani di vino legati alla millenaria cultura enologica se ne ricordino al momento del voto. Si ricordino che PD, Lega, Forza Italia e centrodestra in generale hanno votato in contro gli interessi del mondo del vino del nostro Paese”.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search