Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 10 Novembre2020
Mariadomenica Caminiti

Titolo alcolometrico volumico, Grado Rifrattometrico, Zuccheri riduttori, Antociani totali, Azoto prontamente assimilabile.

Sono alcuni dei termini con cui ogni giorno si confronta Mariadomenica Caminiti. Lei, 38 anni, laureata in biologia, un diploma Ais da sommelier nel cassetto, è la responsabile scientifica del Laboratorio enologico etneo che si trova a Linguaglossa in provincia di Catania. Si tratta di una importante struttura al servizio delle cantine dell'Etna. L'idea è nata nel 2017 ed è diventata realtà solo lo scorso anno. La Caminiti, infatti, ha raccolto un po' in giro le lamentele dei produttori del Vulcano, costretti ad inviare i loro campioni, per sottoporli alle analisi, o a Marsala in provincia di Trapani, o addirittura in Toscana. La lunga trafila non solo per l'invio dei campioni, ma anche per ottenere i risultati. E nel periodo della vendemmia, periodo in cui si concentra maggiormente il lavoro del laboratorio, ogni giorno può essere importante per non compromettere il lavoro già fatto o da fare in cantina. "E' vero - dice la Caminiti - che ci sono cantine che hanno delle loro strumentazioni, ma la realtà etnea è fatta principalmente da piccole cantine e da queste parti mancava un servizio così specifico. Noi ci occupiamo di uve, mosti e vino. Insomma seguiamo l'intera filiera del vino, dalla vigna e fino alla bottiglia".

Al laboratorio infatti, arrivano centinaia e centinaia di campioni. E ogni produttore ha le sue esigenze e chiede di analizzare uno specifico parametro. Chi la gradazione alcolica, chi l'acido lattico oppure quello malico, ma anche l'azoto prontamente assimilabile. "Questo parametro non viene chiesto spesso - dice la biologa - ma è un dato importantissimo per capire come sta lavorando il lievito nel corso della fermentazione. Il lievito, infatti, ha bisogno di composti azotati per lavorare bene e quindi per il produttore è fondamentale conoscere questo parametro per comprendere la prestazione del lievito durante la fermentazione". Come detto il laboratorio lavora a pieno ritmo soprattutto durate la vendemmia. Tra i dati più richiesti, quello della quantità di zucchero presente, ma anche il ph e l'acidità totale. Valori che permettono al produttore di comprendere sin da subito le potenzialità di un vino che presto finirà in bottiglia. Una vita trascorsa tra i libri per la Caminiti, poi la laurea e l'inizio del lavoro, prima occupandosi di sicurezza e igiene alimentare, per poi dedicarsi al mondo del vino, collaborando con alcune cantine. Fino alla felice intuizione di mettersi in proprio: "Un mondo, quello del vino - dice la Caminiti - che mi affascina molto. Impari ogni giorno qualcosa. Ed è affascinante proprio perché non puoi imparare tutto. Un mondo particolare che ha decine e decine di sfumature, in base al territorio o alla mission della cantina. E questa è la vera bellezza". In appena cinque mesi di lavoro, lo scorso anno, il laboratorio ha analizzato quasi 1.200 campioni.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search