Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2022 il 04 Aprile2022
Daniele Cernilli

di Daniele Cernilli

Dieci vini che si devono assolutamente assaggiare al Vinitaly?

La domanda è di quelle da cento pistole, come si diceva un tempo, perché bisogna vedere con che criterio se ne scelgono solo dieci tra migliaia e migliaia di etichette. Io ho preferito usare buon senso e rapporto qualità/prezzo. Sarebbe stato troppo facile e anche scontato indicare dieci nomi altisonanti di vini blasonati, famosi e talvolta molto costosi. Perciò cominciamo e proviamo a inoltrarci in mezzo a quell’incantevole marasma che è il mondo dei vini italiani e spero vivamente che i dieci vini che vi indicherò possano essere di vostro gradimento. Partiamo dall’Alto Adige e qui vi segnalo un grande classico in versione particolarmente felice, si tratta dell’Alto Adige Terlano Pinot Bianco Vorberg Riserva 2019 della Cantina Terlan, un bianco elegante e longevo e che rappresenta perfettamente origine e varietà. Scendiamo di qualche chilometro e andiamo in Trentino dove le bollicine dei Trentodoc fanno furore. E tra tutte vi segnalo una versione sontuosa del Trentodoc Altemasi Graal 2014 della Cavit, una meraviglia. In Veneto, proprio vicino Verona da alcuni anni la Bertani sta proponendo dei Valpolicella ottenuti da singoli vigneti, veri e propri “grand cru”, eccovi perciò il Valpolicella Classico Superiore Ognisanti 2019, un vero fuoriclasse nel suo genere. Il quarto vino viene dalla Romagna ed è un “orange”, tra i migliori in assoluto nel suo genere. E’ il Romagna Albana Secco Vitalba 2020 dell’azienda Tre Monti di Imola. Numero cinque. Piemonte orientale. Siamo a Grazzano Badoglio in provincia di Asti e qui la Tenuta Santa Caterina propone il Grignolino d’Asti Monferace 2016, che va assolutamente assaggiato. Il sesto vino è sardo, lo produce una cantina straordinaria che si chiama Audarya ed è a base di uve Bovale. E’ il Nuracada 2019, un grande vino. Per il numero sette andiamo in Toscana, in Chianti Classico, ad assaggiare lo spettacolare Chianti Classico Gran Selezione Ceni Primo 2018 del Castello di Brolio del Barone Ricasoli, elegantissimo. Per l’ottavo vino invece si va in Umbia, dove le Lungarotti propongono la nuova versione di Torgiano Rosso Vigna Monticchio Riserva 2018. Numero nove, si va in Campania, dove Roberto e Generoso Di Meo fanno un bianco semplicemente straordinario, il Greco di Tufo Vittorio 2008, da non perdere assolutamente. Restiamo a sud per l’ultimo vino, che è pugliese e viene prodotto da un piccolo e ormai celebre viticoltore, Gianfranco Fino. Il suo “pezzo forte” è il Primitivo Es 2019, davvero formidabile.

Commenti   

0 #3 Antonio Di Mauro 2022-04-15 06:41
Alla lista dei dieci, manca un vino siciliano. L’Etna o il versante occidentale della mia Isola, offrono dei vini d’eccellenza. Il buon dottore del vino, forse, ne poteva attenzionare uno. Un’etichetta la dico io, umile appassionato del vino: Siccagno, un nero d’Avola strepitoso della brava Arianna Occhipinti. Buona beva a tutti
Citazione
0 #2 Santi Buzzotta 2022-04-10 18:19
Conosco bene Audarya e concordo con Daniele Cernilli sul suo giudizio.
Citazione
0 #1 sechi salvo 2022-04-05 06:41
A Bologna dove posso acquistare i vini segnalati da Cernilli?
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search