Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 22 Febbraio 2021
di Giorgio Vaiana
Ludovico Giustiniani

di Emanuele Scarci

E’ saltata anche l’ultima mediazione nel Consorzio-babele.

Ora si spera in quella di mercoledì prossimo per trovare un punto d’equilibrio tra le due fazioni del Consorzio del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene: in ballo le modalità per procedere alle elezioni del consiglio di amministrazione. Nel caso dell’ennesima fumata nera, il Mipaaf, che ha intimato al Consorzio di procedere al rinnovo degli organi sociali entro metà marzo, potrebbe decidere la decadenza della delega per la rappresentanza della denominazione. Un caso inedito, ma la paralisi del Consorzio Docg allarma il ministero delle Politiche agricole, dove si è appena insediato il nuovo ministro Stefano Patuanelli.

La spaccatura
Il Consorzio non rinnova il Cda da oltre un anno a causa delle profonde divisioni d’interesse tra produttori che non trovano un accordo nemmeno sui posti da assegnare alle categorie dei soci. La nuova maggioranza in cda, guidata da Ludovico Giustiniani, si oppone alla minoranza capitana dal presidente uscente Innocente Nardi. La maggioranza aveva stabilito che la nuova composizione del cda dovesse attribuire ai viticoltori e agli imbottigliatori un posto in più, a danno dei vinificatori. Il Mipaaf però ha indicato che il cda debba continuare ad essere composto da 3 viticoltori, 6 vinificatori e 6 imbottigliatori. Inoltre le cantine dovrebbero rinunciare alle candidature plurime.

Veti incrociati
Se tutto va bene mercoledì prossimo si dovrebbe conoscere la data fissata per il rinnovo del cda. Ma non è detto: l’incomunicabilità tra fazioni è tale che un anno fa il cda ha bocciato (con zero voti favorevoli) la candidatura del presidente uscente Nardi (nominando Giustiniani) all’associazione Unesco, pur essendo stato uno dei promotori. Inoltre il Consorzio è privo del direttore da 4 anni, dopo aver bruciato, per i veti contrapposti, i candidati Graziano Molon e Cristina Guaita. Il bilancio del Consorzio Superiore è di 4,5 milioni e comprende le quote dei soci, i fondi del Psr e dell’Ocm. Il Prosecco Superiore vale 92 milioni di bottiglie, per un valore superiore ai 500 milioni e grandi ricadute economiche e sociali nei 15 Comuni della Denominazione.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

4) Ti porto al cinema

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search