Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 05 Maggio 2020
di Giorgio Vaiana

Alla fine il Tar ha dato ragione all'Igt Isola dei Nuraghi. Si potranno indicare in etichetta i nomi dei vitigni "Vermentino, Carignano, Malvasia, Monica, Moscato e Vernaccia".

Piccolo passo indietro. La scorsa estate la Regione Sardegna aveva approvato la richiesta di modifica del disciplinare proposta proprio dall'Igt Isola dei Nuraghi che aveva chiesto di poter indicare in etichetta i nomi dei vitigni con cui si producono i vini. Una modifica che non era piaciuta ai consorzi di alcune Doc e Docg della Sardegna (Consorzio di Tutela del Vermentino di Gallura Docg, Consorzio di Tutela del Vermentino di Sardegna Doc, Consorzio di Tutela Vini di Alghero Doc, Consorzio di Tutela del Vino Carignano del Sulcis Doc) che avevano unito le forze e, difesi dall'avvocato Alessio Vinci, avevano proposto ricorso al Tar.

"Per noi è stato veramente difficile renderci conto che la Regione, senza fare polemiche, non fosse riuscita ad organizzare un tavolo per provare a farci mettere d'accordo - dice Daniela Pinna, presidente del consorzio Vermentino di Gallura Docg che rappresenta 50 cantine, 1.500 ettari di vigneti e una produzione di 5,5 milioni di bottiglie - Noi fin dall'inizio avevamo detto di non esere contrari alle richieste di modifiche del disciplinare da parte dell'Igt, ma avevamo chiesto di parlarne per fare la nostra proposta". I consorzi, infatti, chiedevano che il nome del vitigno fosse indicato in piccolo nel retroetichetta: "Se da parte dell'Igt, rappresentata da pochissimi produttori della Sardegna, c'era questo tipo di esigenza commerciale - prosegue Pinna - noi non ci saremmo mai opposti. Ma è chiaro che la dicitura, ad esempio "Vermentino" sul fronte etichetta, rappresenta un inganno per i consumatori. Speravamo che il Tar bloccasse tutto per poterci incontrare e chiarire. Invece la politica non ha sentito l'esigenza di sentire democraticamente i produttori dei consorzi, ha deciso a prescindere".

Per il presidente Pinna, la questione non è la qualità dei vini: "Io non ho mai detto che i vini Doc o Docg sono più buoni di quelli Igt - spiega - Chiedo che ci sia chiarezza. Che si indichino tutti i vitigni utilizzati e in quali percentuali. Non credo che l'Igt avesse l'esigenza di produrre Vermentino. Ma ne capisco anche il motivo. Noi però abbiamo dei protocolli molto rigidi da seguire, con rese bassissime (80/90 quintali per ettaro), nessuna irrigazione, se non quella di soccorso (chi può farla, perché molte cantine non hanno gli impianti). Per questo volevamo discuterne prima. Ricorso al Consiglio di Stato? Non lo so ancora. Non abbiamo ancora fatto riunione con i soci. Ma credo che ci rifiuteremo. Ormai abbiamo capito l'andazzo. Questi soldi li investiremo in promozione". Sulla decisione del presidente del Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna Marco Lensi, pare che abbia influito la decisione presa qualche tempo fa a favore della cantina siciliana Duca di Salaparuta che aveva fatto ricorso contro la Doc Sicilia e l’associazione dei produttori della Igt Terre Siciliane che di fatto vietano l'utilizzo in etichetta dei nomi dei vitigni Grillo e Nero d'Avola nei vini Igt (leggi questo articolo). Qui, però, si attende già la sentenza del Consiglio di Stato.

In Sardegna la politica regionale era schierata nettamente a favore della Igt. Qualche tenpo fa l'assessore regionale sardo per l'agricoltura Gabriella Murgia, aveva specificato che la modifica al disciplinare della Igt non era teso a determinare un livellamento verso il basso delle produzioni, "ma a dare la possibilità alle produzioni di vini senza Doc di essere prodotti come Igt, permettendo un incremento percentuale del trend già positivo delle produzioni di vini di qualità della Sardegna". Ora non siamo riusciti a contattarla.

G.V.


Commenti   

+2 #1 sinbad 2020-05-06 08:52
L'andazzo da capire si chiama legge. Sapendolo prima si sarebbe evitato di sprecare soldi in spese legali. Ma perché non si vuole capire che il nome di vitigno NON E' TUTELABILE e bisogna puntare sul nome del territorio? E' tanto difficile?
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search