Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il progetto il 08 Maggio2012

C’è la cultura italiana del vino, ci sono i territori, le opere d’arte, 6000 km percorsi da Nord a Sud, il meglio dell’enologia del Bel Paese catturata in tre dvd destinati al mercato canadese.

Questo è il racconto Discover Italy, il documentario presentato oggi in anteprima a Roma dall’Istituto Grandi Marchi e Iem, coproduttori dell’opera insieme a Lcbo, monopolio della provincia dell’Ontario. Diviso in tre capitoli da 25 minuti ciascuno, fotografa l’essenza della parte più prestigiosa del comparto nazionale. Protagoniste le cantine associate all’Istituto, per citarne alcune da Ca' del Bosco a Rivera, da Gaja a Donnafugata.Tutte presenti, oggi, in sala. Su ciascuna si è posato l’obiettivo del regista Jim Fitzpatrick, a narrarle la voce di Michael Fagan, direttore Ricerca e sviluppo e responsabile attività educazionali Lcbo e anche autore del film.
 


Piero Antinori



Il via alla proiezione è stato dato da Piero Antinori, presidente di Grandi Marchi il quale ha ribadito il valore degli strumenti di promozione in un momento di svolta culturale come quello in corso nel mondo del vino:  “All’Italia servono nuove strategie di marketing  targetizzate  sui veri decision maker dei mercati internazionali: i consumatori. Stiamo assistendo ad una svolta culturale che investe le tecniche commerciali del mondo produttivo del nostro Paese , fino ad ora praticate. Oltre agli accordi commerciali servono  nuove azioni  in grado di trasformare l’originalità e l’esclusività della storia italiana del vino in strumenti di promozione e in motivazione di acquisto, come sta accadendo in Canada ”.

Il progetto nasce con l’obiettivo di colmare la conoscenza del consumatore medio sull’Italia. Verrà distribuito in Canada nelle edicole, nelle librerie, nella grande distribuzione e in oltre 600 store selezionati.

Per Giancarlo Voglino, managing director Iem: “La cultura del vino italiano è sempre più l’elemento chiave dell’internazionalizzazione delle imprese. Discover Italy è un esempio di networking utile per continuare a far crescere il sistema Paese sui mercati internazionali”.

“Format emozionale e motivazionale” definito da Michael Fagan, pensato per cogliere e presentare l’anima del vino italiano al consumatore finale, leva questa decisiva per l’acquisto.

Ma il marchio Italia avrebbe già nel Pese i suoi estimatori, in aumento secondo i dati aggiornati al 2011 che danno l’export Italiano a circa 294milioni di euro in termini di valore. In crescita del 8,7% rispetto all’anno precedente. Si attesta così al secondo poso l’Italia, dietro la Francia, detenendo ad oggi il 20% del valore complessivo del mercato canadese. Performance da record se si pensa che in  10 anni il valore dell’export vinicolo italiano in Canada è cresciuto del 112%, mentre la Francia solo del 34%.
 


Jose' Rallo


Tra i presenti in sala, uno dei volti del salotto buono dell’enologia italiana, Jose’ Rallo di Donnafugata, che al riaccendersi delle luci ha mostrato entusiasmo per l’iniziativa. “Michael Fagan, è stato bravissimo nella descrizione dei vini, è riuscito a seguire il ritmo della nostra vita. Altissima prova anche quella del regista, inquadrature e riprese hanno colto tutti i particolari dell’Italia di oggi. Ed è vicino come stile di racconto al gusto dei vini che vogliamo proporre”, ha detto la Rallo. Per la cantina il Canada rappresenta il sesto mercato, dove sta penetrando attraverso nuovi canali. “In Ontario si può vendere direttamente alla ristorazione, stiamo cominciando a percorrere questa strada. Comunque i consumatori stanno aumentando e sono cambiati anche i gusti. Prima cercavano il varietale oggi invece sono attenti alla tutela dell’ambiente. Per loro il vino siciliano è natura, è sole, Mediterraneo, c’è una diffusa voglia di Sud”.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search