Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 25 Aprile2020
Clemente, Tiziana e Giacomo Funaro

In un momento storico come quello attuale in cui tutto sembra drammaticamente fermo e statico a causa dell’emergenza sanitaria globale, la scelta coraggiosa di aziende che decidono di lanciare un nuovo vino sul mercato, appare meritevole e degna di attenzione.

E’ questo il caso della cantina Funaro. l’azienda ecosostenibile con sede a Santa Ninfa e con vigneti anche a Salemi, in provincia di Trapani, creata nel 2003, dai fratelli Giacomo, Clemente e Tiziana Funaro che, partendo dall’azienda agricola di famiglia, hanno dato vita ad una nuova realtà imprenditoriale, passando dalla vendita delle uve alla loro vinificazione per la creazione di etichette di grande raffinatezza ed eleganza. Si tratta di una zona a spiccata vocazione vitivinicola in cui crescono rigogliose sia varietà autoctone, quali Inzolia, Cataratto, Grillo, Zibibbo, Nero d’Avola e Perricone, che internazionali, quali Chardonnay, Muller Thurgau, Syrah, Merlot e Cabernet Sauvignon, che la famiglia Funaro, insieme ai suoi validi collaboratori, coltiva con impegno e dedizione.


E non è un caso se proprio dal Nero d’Avola in purezza, il vitigno a bacca rossa principe degli autoctoni siciliani, sia nato il rosato che rappresenta, oggi più che mai, una sfida non solo per l’azienda, ma per tutta la Sicilia, che la cantina Funaro ha tutta l’intenzione di vincere. L’ultimo nato in casa Funaro, è stato imbottigliato a febbraio ed è in commercio dai primi di aprile 2020. Grazie alla breve permanenza a contatto con le bucce, di circa 5 ore, ha un colore rosa scarico, che richiama lo stile dei vini provenzali, come richiesto dai mercati di Australia, Belgio e Danimarca. Ma i suoi profumi, intensi e persistenti, mantengono fede alle aspettative che ci si attende da un Nero d’Avola e che consente alla cantina Funaro di portare, con orgoglio, un pezzo di Sicilia, in giro per il mondo.


La particolare attenzione che, da sempre, l’azienda ha riservato al biologico, ufficializzata nel 2011 grazie alla certificazione “Bio”, ha ottenuto, di recente, un ulteriore riconoscimento con l’inserimento della cantina Funaro all’interno della “Guida Vini Bio - Edizione 2019/2020”, consultabile online, alla quale hanno accesso solo le aziende con certificazione biologica. In particolare, hanno ottenuto la menzione speciale (Coccinella d’Oro) l’Inzolia 2018 e lo Spumante Metodo Classico Extra Brut Millesimato 2014, mentre il Mondura 2018, il Passo di Luna Bianco 2018 e il Pinzeri 2018 hanno ottenuto cinque coccinelle ( punteggio massimo).

(La vendemmia dello scorso anno)

“Sin dall’inizio abbiamo condotto la nostra azienda sulla strada del biologico, l’unica via, secondo noi, percorribile per contribuire alla salvaguardia del Pianeta essendo meno impattanti possibile - spiega Giacomo Funaro - I riconoscimenti ricevuti per noi rappresentano il giusto incentivo per accettare sempre nuove sfide. Tra queste lanciare sul mercato un vino rosato ottenuto dal nostro Nero d’Avola è per noi un modo di reagire alla crisi economica mondiale usando ciò che abbiamo di più prezioso, ovvero il nostro prezioso patrimonio territoriale”. Il rosato di Nero d’Avola 2020 al è intenso e fruttato. Prima arriva il melograno, seguono le fragoline di bosco, more e ribes. Chiudono accenni di litchi e acqua di rose. In bocca il sorso è fresco e vibrante, sorretto da una vispa acidità che ne accentua la persistenza e ne mantiene vivido a lungo il ricordo al palato. Ideale per accompagnare aperitivi e antipasti a base di salumi e formaggi, sarà perfetto anche in abbinamento a primi piatti a base di pasta fresca condita con sughi semplici e genuini ma anche zuppe di pesce, fritti misti e risotti dalla mantecatura delicata. Ottimo con pizza, sfincione, “pizzelle fritte” e “paste cresciute”.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giorgio Cicero

Ristorante Mùrika

Modica (Rg)

4) Cannolo siciliano, gelato al pistacchio e marmellata al peperoncino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search