Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda il 18 Dicembre2019


(Giuseppe ed Eliana Oriti)

Un 2020 che si preannuncia pieno di impegni per la famiglia Oriti, titolare de Il Vecchio Carro a Caronia in provincia di Messina. 

Giuseppe, insieme all moglie Eliana, porta avanti con passione l'attività di famiglia che, soprattutto negli ultimi anni, gli ha regalato tantissime soddisfazioni.  A partire lo scorso anno dal premio "Best in sicily" della nostra redazione o a quello dei fratelli tristellati Cerea che lo hanno selezionato come migliore street food, "davanti a mostri sacri della cucina italiana che vantano anche delle stelle", dice con un pizzico di orgoglio Oriti. Da 20 anni la famiglia Oriti ha puntato sul Suino Nero dei Nebrodi. "Una scelta, la nostra - dice Oriti - consapevole e voluta. Noi abbiamo sempre puntato sul suino nero dei Nebrodi perché ha delle caratteristiche che lo rendono unico al mondo. Ma è davvero difficile allevarlo". Questo particolare tipo di maiale, infatti, non può essere allevato al chiuso, "perché la carne non avrebbe lo stesso sapore" e nemmeno allo stato brado, "perché è un animale che si inselvatatichisce subito e poi è difficile da catturare. Inoltre, quando ci abbiamo provato, abbiamo anche subito dei furti di maiali". Così ecco la soluzione: "Un allevamento allo stato semi-brado - spiega Oriti - Abbiamo circocritto un territorio di circa 10 ettari dove i maiali sono liberi di gironzolare. Noi ogni giorno diamo loro i mangimi per tenerli a bada. E i recinti ci permettono di monitorare tutto con attenzione". Per Oriti il problema fondamentale è che non esiste, come lo definisce lui, il "porcaro 3.0", ossia "l'allevatore moderno che sappia cosa fare - dice - Anche i giovani non vogliono entrare in questo mondo e si sono allontanati dalla campagna che, secondo me, offre importanti opportunità". Il Vecchio carro è l'azienda di famiglia. E a breve cominceranno importanti interventi di restauro: "Sarà un 2020 molto importante per la nostra azienda - dice Oriti - Cominceremo i lavori di restauro della nostra azienda, creeremo un resort con 12 camere, piscina e spa. Inoltre amplieremo il ristorante realizzando una importante cantina di vini che conterrà referenze siciliane. Interventi che dureranno almeno un paio di anni, ma noi contiamo di iniziare con il resort entro la prossima estate". 

La porchetta di Oriti è ormai un must in tutta Italia e oltre. Ogni anno macella circa mille capi e la richiesta supera sempre le possibilità di vendite: "Cerchiamo di fare le cose fatte in un certo modo", precisa Oriti. Che poi, però, racconta: "Questo periodo, intendo quelle delle feste - dice - è quello più importante per noi e per tante altre aziende, che vogliono spedire i loro prodotti fuori dallo Stretto. Ma è impossibile. Viviamo in un territorio abbandonato e difficile da raggiungere e fare spedizioni è impossibile. Si parla tanto di consorzi, di fare rete, fare sistema tra i produttori. Sono solo chiacchiere. Credo che sarebbe opportuno pensare ad una convenzione con le Poste magari, per garantire a noi produttori le spedizioni in questo periodo cruciale. Invece, la politica è totalmente assente e disinteressata". E allora cosa fare? "Io mi sono organizzato con i miei clienti spedendo, quando ho potuto, la merce prima - dice - Per altri clienti ho preso un furgone e porterò io stesso la merce al Nord". A proposito di furgone. Oriti ha completato l'iter burocratico per il food-truck della sua azienda: "Le carte sono in regola e il furgone è stato messo su strada - dice - Stiamo completando l'arredamento interno e a marzo, penso, inizierà i suoi viaggi in Italia ed Europa per portare in giro la nostra porchetta".

G.V.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Riccardo Camanini

Ristorante Lido 84

Gardone Riviera (Bs)

1) Sarda di lago affumicata e fritta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search