Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'iniziativa il 01 Maggio 2020
di Giorgio Vaiana
In alto Federico Latteri, in basso Davide Rosso

“I primi vini della mia vita sono stati Barolo e Barbaresco”.

Davide Rosso, patron della celebre cantina di Serralunga d’Alba Giovanni Rosso, ci ha "portato con lui" in Piemonte alla scoperta dei cru che hanno fatto la storia dell’enologia.
“Il Barolo e il Barbaresco sono due grandi vini – ha spiegato Davide a Federico Latteri durante il nostro Wine Moment - Il Barolo ha una grande potenza, un tannino molto fine, è elegante. Il Barbaresco ha una gentilezza che è un qualcosa di straordinario, ha delle sfumature estremamente raffinate. Ci sono pochi produttori di Barbaresco e la media è molto molto buona.” La storia della Giovanni Rosso risale al 34’. “Fu il mio bisnonno a comprare questa vigna - racconta – tramandandola successivamente a suo figlio, mio nonno. Quando mio nonno morì, mia mamma (che aveva 13 anni) diede la metà della vigna allo zio. Quando lui morì e nel 2010 morì anche il figlio, molto giovane, la vigna tornò a mia madre. Siamo nel 2011. Da lì abbiamo fatto opere di restauro grandiose. Abbiamo tenuto ettari della vigna storica del 46’, l’abbiamo ristrutturata e abbiamo reimpiantato quella nuova. Con le vigne vecchie facciamo il Barolo, con quella nuova declassiamo quest’uva a Langhe da Barolo”.

E le ultime annate? “Il 2014 è stato un anno difficile per tutti anche se poi ha stupito. Qui abbiamo fatto un gran lavoro di selezione, per cui alla fine è uscito un buon vino – ha sottolineato Davide - Non è stata un’annata eccezionale, ma ha stupito. Il 2015 ha dato un’annata normale, bella, che ha prodotto fini buoni. La 2016, invece, è stata un’annata eccezionale. Quando un’annata è buona tu non devi fare assolutamente nulla, c’è già equilibrio in partenza. E’ quando le annate son difficili che devi essere sveglio, a me piacciono molto le annate difficili”.

Giorgia Tabbita

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

3) Baccalà in olio cottura su salsa puttanesca  e crumble di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search