Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 29 Ottobre2021
Giovanni Santoro e Valentina Mancuso

di Giorgio Vaiana

Da una vita circondata da montagne, a una vita sorvegliata da "una montagna".

Dalla rigogliosa e verdissima (e d'inverno bianchissima) Valle d'Aosta al paesaggio lunare dell'Etna, tra il nero predominante, il giallo delle ginestre, il fascino dei paesini pedemontani. Lei è Valentina Mancuso, 36 anni e pastry chef. Da qualche tempo è la nuova responsabile delle colazioni del boutique hotel Shalai di Linguaglossa in provincia di Catania e dei dolci del ristorante stellato annesso all'hotel di cui è chef Giovanni Santoro. Mamma francese, papà valdostano, ma nelle sue vene scorre anche sangue veneto e friulano ( da parte dei nonni materni) e calabrese (da parte dei nonni paterni. E il cognome lo rivela). Una vita frenetica la sua e sempre dinamica e in movimento. E oggi sembra aver trovata casa sua. A Linguaglossa. O meglio allo Shalai dei cugini Luciano e Leonardo Pennisi. La passione per la cucina, sembra banale e scontato, arriva da mamma e nonna. "Ma io sono anche figlia della televisione", dice Valentina e poi capiremo anche perché. Lei però, non voleva trasformare una passione in lavoro. Almeno all'inizio. "Sono madrelingua francese e l'orientamento scolastico mi aveva indirizzato verso studi alberghieri - racconta a Cronache di Gusto - Io, però, scelsi l'artistico prima e l'accademia di belle arti a Bologna". Nella città delle Due Torri Valentina completa gli studi. Qui la svolta. Perché Valentina torna a casa e facendo zapping in tv rimane folgorata da Luca Montersino, uno dei più importanti pasticceri italiani. Oltre a lasciarsi affascinare da Maurizio Santin: "Uno, Montersino, un grande conoscitore delle tecniche, lavora di precisione e quasi facesse magie; l'altro Santin lavora più sul gusto delle cose - dice Valentina - Fu proprio in quel momento che mi resi conto che la vita che stavo conducendo non mi piaceva". E fu così che inizia l'accademia di Montersino (Club academy al Campus Etoile a Tuscania). Tre mesi intensi di studi, ricette, prove su prove fino ai tre mesi di stage esterno. Per poi tornare in accademia e specializzarsi sul cioccolato e volare a Cagliari da Gianluca Aresu, il suo maestro in accademia per il cioccolato. "Con lui ho iniziato il programma televisivo su Alice Tv "Cinquanta sfumature di cioccolato" e nei momenti liberi aiutavo pure in pasticceria - dice Valentina - Sono rimasto con lui per cinque anni fino al 2016".

Le valigie di Valentina, però, non sono da disfare. Prima una nuova esperienza sempre in Sardegna in un importante hotel a 5 stelle e poi il volo in Francia, dove ha iniziato a lavorare con un guru della pasticceria francese, Arnaud Larher: "Un'esperienza magica - dice Valentina - Lì capisci veramente come si lavora in questo settore. Era il tassello che mi mancava". E aggiunge: "Non è che la pasticceria francese sia più buona di quella italiana - dice - Lì, però, a differenza nostra non si creano problemi a modernizzare i dolci della tradizione. Da noi è quasi un affronto. Per fortuna le nuove leve stanno provando a rivoluzionare tutto". L'arrivo in Sicilia attraverso Rita Busalacchi, pasticciera e grande amica di Santin e il lavoro presso un'accademia siciliana. L'incontro, fortuito con Giovanni Santoro, lo chef stellato dello Shalai: "Non ci siamo piaciuti a prima vista - dice - Io poi sono andata a mangiare allo Shalai con degli amici e sono rimasto folgorata dalla cucina di Santoro. Alla fine del 2019 Leonardo (Pennisi, ndr), mi aveva proposto di fare dei dolci per la macelleria e di mettere un po' a posto le colazioni dello Shalai". Nel rattempo il lockdown. "E' stata l'occasione per studiare e studiare - dice - Passavo i giorni rinchiusa dentro la cucina dello Shalai e facevo prove e prove insieme a Giovanni. Lui non è un capo, è un capitano. Ho avuto qualche difficoltà all'inizio. Perché io sono una donna del Nord e non è facile trasferire i profumi, i colori e i sapori siciliani nei dolci, perché non li conoscevo molto bene. Devo dire, però, che Giovanni mi ha dato carta bianca". E sono nati i primi due dolci ancora in carta allo Shalai e tra i più apprezzati: la delizia al limone e il 304, un dolce al cioccolato. "I miei dolci sono in costante evoluzione - dice - Adesso sto sperimentando con i lievitati. Non manca il cannolo ovviamente e non mi aspettavo che i miei dolci avessero un successo così grande. Sono molto contenta".

Per la colazione, Valentina propone dei croissant buonissimi che vengono riempiti al momento (la crema pasticcera è divina). Poi dei biscotti, dolci alle mele, muffin. Per il ristorante, invece, Valentina studia sempre: "E' un mondo diverso, quello dei ristoranti stellati - dice - perché si può anche osare e giocare magari con gli ingredienti. Se trovi la persona giusta che te lo lascia fare, come nel mio caso. C'è solo una regola: nei ristoranti stellati ci si va per fare un'esperienza culinaria. E quindi anche il dolce deve far parte di questa esperienza. Sembra facile, ma non lo è". E qual è il dolce preferito da Valentina? "La torta di mele di mia nonna - dice Valentina con un velo di commozione - Una torta semplicissima, che non è una frolla, è senza uova e burro. Oltre alla sua confettura di fragole".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search