Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 09 Agosto2022
Vermentino

di Michele Pizzillo

Dall’allevamento del bestiame – in particolare porceddu e agnello – alla produzione di vini, quasi per trasformare in realtà il sogno dell’ultima generazione di una storica famiglia che produce prelibati pecorini da molte generazioni in Barbagia.

Infatti, Antioco Gregu, sollecitato dai figli Raffaele e Federico – anche lui, per quanto riusciamo a capire, voleva ritornare a fare vino come già facevano gli avi un secolo addietro -, intraprendenti e sognatori oltre che convinti che per fare conoscere ancora di più la Sardegna, bisogna produrre dell’ottimo vino, nel 2011 decide di intraprendere questa nuova avventura, ma partendo da un’area particolare dell’isola, un terroir unico come la Gallura, dove le influenze marine si insinuano in una suggestiva macchia mediterranea a ridosso di boschi di querce, sughere e olivastri, si possono produrre ottimi vini. Così i Gregu acquistano 50 ettari nelle campagne di Calangianus, su un terreno da disfacimento granitico a 500 metri sul livello del mare. Che, come ha raccontato Raffaele Gregu presentando i quattro vini che producono a Calangianus, sulla Costa Dorata, vicino Olbia, nel corso di un incontro conviviale organizzato dall’agenzia di comunicazione PR comunicare il vino, a Milano nel ristorante sardo “Prades Porto Cervo”, è un contesto unico ed incontaminato confinante con il Parco Regionale del Monte Limbara, dove cresce una vegetazione selvaggia ma suggestiva tra olivastri e sugherete secolari.

“Il nostro terroir ha caratteristiche uniche come il vento costante, le forti escursioni termiche determinate dall’altitudine e la conseguente formazione di rugiada che, insieme, rallentano la maturazione delle nostre uve – spiega Antioco Gregu - Noi, però, riusciamo a valorizzare tutto questo e attraverso “l’ascolto” delle piante, raccogliamo le uve solo quando la vite ci comunica che la maturazione dell’uva è perfetta”. Questa, in sintesi, la filosofia per persegue la famiglia Gregu nella gestione della propria azienda e, in particolare, nei 30 ettari di vigne delle Tenute Gregu, quasi prevalentemente di vermentino (25 ettari) e 5 ettari tra canonau, bovale, carignano, syrah e merlot. E, con i tre Gregu che si dividono i compiti per seguire meglio vigna e cantina e, quindi, Antioco impegnato a seguire la parte vitivinicola, aiutato dal figlio Federico, mentre Raffaele si occupa della gestione in cantina e della commercializzazione. A lui è stato affidato il compito di presentare a Milano i quattro vini prodotti dalle Tenute Gregu, che esprimono la filosofia identitaria che caratterizza il ritorno, quasi un secolo dopo, di questa famiglia a riprendere la produzione di vino. Con la prima vendemmia datata 2014 dopo tre anni dalla fondazione dell’azienda, con la proposta di un ottimo vermentino di Gallura. Attualmente questa azienda produce 70.000 bottiglie ma le potenzialità sono calcolate in 220.000 bottiglie. Poco più del 10 per cento è venduto tra la Florida, il Massachussets, la regiona di Mosca e il Belgio. L’88% della produzione è assorbito dal mercato italiano. A Milano Raffaele Gregu, invece, ha proposto quattro vini e, cioè, due bianchi da uve vermentino, un rosato e un rosso da uve canonau.

Rías Vermentino di Gallura docg 2021

Un vermentino che potrebbe essere definito un po' il cavallo di battaglia della casa da mettere sulla tavola quasi tutti i giorni. Le uve sono raccolta a partire dalla metà di settembre, separando subito mosto e bucce e fare la fermentazione in acciaio con lieviti selezionati così come la maturazione, per 4 mesi, per mantenere i profumi tipici del vitigno. Il colore è giallo paglierino con sfumature verdognoli. Al naso offre sentori floreali e di frutta a polpa gialla come l’albicocca e melone, più una gradevolissima toccata agrumata. In bocca è un vino immediato, equilibrato che alla bellissima freschezza aggiunge una buona mineralità.

Selenu Vermentino di Gallura Superiore docg 2020

Per questo vino le uve vermentino sono raccolte, le prime due settimane di ottobre, e selezionate nelle vigne più vecchie della Tenuta, quasi a rasentare una sorta di vendemmia tardiva. L’annata 2020 è stata particolarmente torrida – e potrebbe essere un anticipo della caldissima vendemmia 2022 – e con un’intensa piovosità durante la raccolta delle uve. Il colore del vino è giallo paglierino con profumi che ricordano la frutta a polpa gialla, nonché belle note di ginestra e una spiccata mineralità. In bocca è morbido, con note minerali e ritorno delle sensazioni di frutta e floreali già percepite in fase olfattiva, che arricchiscono un vino dall’impatto morbido, una bella freschezza, con lungo finale arricchito dalle note conferite dalla botrite. È un vino bianco da invecchiamento piuttosto lungo.

Sirè Cannonau di Sardegna doc rosato 2021

Uve canonau selezionate per produrre un bel vino rosato e quindi, vinificate in bianco. Il vino, poi, matura per diversi mesi sui lieviti. Il colore è un rosa tenue tendente al cerasuolo che ricorda la buccia di cipolla ramata. I profumi sono intensi, prevalentemente fruttati, con prevalenza di frutta rossa come ciliegia, amarena, frutti di bosco, melograno. In bocca è un vino di ottima bevibilità, fresco, sapido e piacevolmente fruttato.

Raighinas Cannonau di Sardegna doc 2018

100% uve cannonau per questo rosso prodotto secondo la tradizione sarda, ossia, molto concentrato. La macerazione del mosto sulle bucce è protratta per 2 settimane per favorire l’estrazione. Il 20% del vino matura per 6 mesi in tonneau da 500 litri il restante in acciaio; il legno utilizzato è di più passaggi, quasi esausto, per evitare di rendere ancora più carico un vino come il cannonau già ricco di tannini. Affina, poi, 8 mesi in bottiglia. Il colore è rubino intenso. Il profumo è prevalentemente fruttato in particolare ciliegie, frutti di bosco, more a cui si aggiunge una bella nota balsamica. In bocca è caldo, morbido, avvolgente, con vena fresca e lunga persistenza che attenuano un po' la presenza di tannini.

Tenute Gregu
Loc. Giuncheddu – Calangianus (Ot)
T. 348 0364383
www.tenutegregu.com
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search