Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Qui Slow Food



Palermo, da sempre caratterizzata da una forte identità di città marinara. Ha raccontato e affermato nei secoli il suo profondo rapporto con il mare, esprimendolo attraverso la devozione nei confronti dei santi e martiri Cosma e Damiano, protettori di pescatori e marinai (e di medici, chirurghi, farmacisti, barbieri).



Si narra che in epoca spagnola alcune navi portassero a bordo tori e vacche per organizzare delle corride  in Sicilia: una di queste navi fece naufragio nel mare antistante Punta Raisi (Cinisi) e gli animali sopravvissuti al naufragio, trovando una zona arida e battuta dai venti di scirocco,  iniziarono a vagare alla ricerca di pascoli, arrampicandosi sulle montagne circostanti.

Nomu di Diu ch’è nomu sicuru
Lu pani ‘ntra lu furnu
La grazia ppì’ lu munnu
Sant’Isidoru beddu di crusca e beddu di fora
Santa Zita bedda e russa la muddica
Santu Nicola beddu di dintra e beddu di fora
Santu Onoratu né aiumu né passatu
Santa Caterina lu pani comu a chiddu d’a riggina
San Giuvanni criscilu beddu ranni
San Cristofulu chistu pani comu ‘n jalofaru
Sant’Austinu ogni pani quantu ‘n cufinu
Santu Ramunnu crisci lu pani quantu ‘n furnu
Santu Vitu ‘u pani quantu ‘n maritu
Comu crisci lu munnu
Accussi crisci lu pani ‘ntra lu furnu

Il carciofo nasce come pianta alimentare, per poi divenire un’importante risorsa in ambito medico. Da svariate documentazioni storiche, si evince come la domesticazione di questa pianta (dal suo progenitore selvatico la Cynara cardunculus), sia avvenuta in Sicilia intorno al I secolo.

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

2) Carbonara di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search