Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 21 Maggio2017

di Manuela Zanni

La Sicilia dal punto di vista enologico può essere considerata una vera e propria nazione perchè racchiude una grande varietà di vitigni rappresentando un territorio vocato a fare grandi vini non solo da uve autoctone ma anche internazionali. 

Tuttavia, è innegabile che ciò che maggiormente riempie d' orgoglio i siciliani è sicuramente essere conosciuti per i vitigni autoctoni, tra cui il Nero d'Avola ch può essere considerato quello a bacca rossa più rappresentativo dell'Isola. Nonostante abbia trovato la sua zona d'elezione nella Sicilia orientale, ormai viene prodotto un po' ovunque acquisendo sfumature diverse proprio grazie alle differenze territoriali. Ne risultano vini molto diversi tra loro accomunati tuttavia dall' eleganza e personalità proprie di questo vitigno. Accanto alle etichette di cantine note, noi di Cronache di Gusto siamo andati alla scoperta di quelle meno conosciute, che costituiscono la "nouvelle vague" del Nero d' Avola, compiendo un interessante viaggio nel territorio siciliano dedicando ad otto etichette una degustazione guidata da Federico Latteri per evidenziare le differenti espressioni del" terroir " di produzione.

Ecco i vini degustati in occasione della masterclass che si è tenuta presso l' Hotel Centrale di Alcamo nel corso della manifestazione "Vino&Olio"

Casale del Frate, Nero d' Avola,  All' Aria 2015 - Colore rosso rubino intenso. Naso fruttato con note speziate smorzate da erbe mediterranee. In bocca è elegante, equilibrato e con una buona struttura. Sorso avvolgente con finale sapido. 

Case Alte, Nero d' Avola 16 filari 2015 - Colore rosso rubino profondo con leggeri riflessi violacei. Il profumo offre un ampio bouquet che spazia dai toni fruttati di frutti rossi come more, ciliegie e lamponi a quelli speziati di rosmarino, tabacco e chiodi di garofano. In bocca grande struttura supportata da una buona spalla  acida  e tannini fini ma intensi e vivaci. Finale lungo e persistente.

Di Giovanna, Nero D' Avola Vurrìa 2015 - Colore rosso intenso. Al naso intense note di ciliegie sciroppate e prugne, aromi di  cioccolato fondente e spezie e lievi sentori di pane. Al palato è morbido ed elegante con tannino setoso e piacevole. Finale lungo e persistente.

Federico Curtaz, Nero d' Avola Ananke 2015 - Colore rosso intenso. Propone un naso piacevole ed elegante dai profumi intensi di  frutta rossa che fanno da sottofondo a belle notte di spezie dolci. Naso elegante sorso corposo e consistente. Finale sapido e persistente.


(Federico Latteri)

PietraCava, Nero d'Avola Manaar 2014 - Colore rosso rubino intenso. Al naso propone un ventaglio aromatico ricco e complesso con intense note di frutti di bosco impreziosite da sentori di pepe nero e sbuffi vanigliati. In bocca è opulento e ben strutturato dal sorso lungo e di grande piacevolezza. Pensato per durare nel tempo quando darà il meglio di sè. 

Salvatore Tamburello, Nero d' Avola 306 bio 2015 - nresenta un bel colore rosso granato. Al naso ntensi aromi fruttati di ciliegia, marasca e speziati di pepe nero e cannella. Al palato propone un sorso avvolgente con tannini morbidi e intensi sentori di marasca.

Solano, Nero d' Avola Longaricu 2015 - Colore rosso rubino. Profumo intenso di frutti di bosco ma anche sentori terrosi e note speziate. Bocca intensa dal sorso ampio  piacevole e fresco. 

Terre di Shemir, Nero d'Avola Paradiso di Lara 2016 - Colore rosso rubino intenso. Naso intenso di frutti rossi maturi e sentori speziati di cannella e pepe nero. Al palato propone un  tannino morbido, piacevole ed avvolgente.  In chiusura  fresco,  persistente e dalla buona mineralità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

4) Gelato allo zafferano di Reggio Calabria, anice e terriccio salato alle mandorle

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search