Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 13 Febbraio 2019
di C.d.G.

di Federico Latteri, Firenze

Anteprima del Chianti Classico a Firenze, alla Stazione Leopolda. In degustazione Chianti Classico annate 2017 e 2016, Chianti Classico Riserva 2016, 2015, Chianti Classico Gran Selezione 2016 e 2015 e diversi vini delle tre tipologie di annate precedenti. 

La 2016 è stata, a detta di tutti, un’annata praticamente perfetta, classica, da ricordare tra le migliori degli ultimi decenni. Condizioni climatiche regolari e un ciclo maturativo perfetto hanno fatto si che si potessero raccogliere uve di grande qualità. I vini sono equilibrati, eleganti e dotati di ottime potenzialità d’invecchiamento. Il millesimo successivo, il 2017, è stato invece problematico per l’esigua disponibilità di acqua che ha condotto le piante a livelli di stress a volte preoccupanti con riduzione quantitativa della produzione. Nonostante ciò i vini assaggiati, pur non raggiungendo il livelli dei 2016, sono sembrati superiori alle aspettative, forse leggermente più pronti e con tannini un po’ più spigolosi, ma comunque buoni e con carattere da Chianti Classico. In generale, si registra un decisivo allontanamento dai prodotti strutturati, morbidi e piacioni a favore del ritorno deciso all’eleganza, alla bevibilità e alla tipicità, caratteristiche che fanno apprezzare questo vino in tutto il mondo.

Di seguito i nostri migliori assaggi con alcune note:
CHIANTI CLASSICO 2017

Castellinuzza e Piuca-Coccia Giuliano - Fragrante, grande presenza di frutto al palato, soprattutto amarena. Ha bisogno di tempo per acquistare un maggiore equilibrio.

Castello di Monsanto (campione da botte) - Tipico con toni floreali scuri, fresco, forse ancora un po’ irruento. Tannini abbastanza levigati.

Fèlsina - Naso orientato su toni fruttati. Ben fatto, snello, piacevole, ottima bevibilità.

Lamole, I Fabbri - Elegante, speziato al naso. Sorso consistente per via della robusta componente tannica.

Retromarcia, Monte Bernardi (campione da botte) - Particolare, incentrato sulla piacevolezza di beva. Non stanca mai.

Monteraponi (campione da botte) - Intenso e pulito al naso e fresco al palato. Tannini ben presenti che il tempo smusserà.

Chianti Classico Docg 2016, Borgo Scopeto - Floreale, vibrante, dotato di energia, progressione e ottimo allungo.

Cantina Ripoli - Croccante, gastronomico. I tannini detergono bene il palato, senza dare troppa astringenza.

Castellinuzza-Cinuzzi - Naso ammaliante, intensamente floreale. Al palato mostra buona acidità, equilibrio e tannini ben estratti.

Verrazzano, Castello di Verrazzano - Profondo, appena austero. Bocca giocata tra intensità gustativa, tannini e un finale sapido.

Isole e Olena - Naso preciso con note di viola e una punta speziata. Fitti i tannini e lunga la chiusura in cui sono evidenti piacevoli note fruttate.

Le Fonti, Panzano - Ha un profilo un po’ più caldo e strutturato della media, ma non manca la freschezza che lo snellisce. Persistente.

Montecalvi - Sobrio, fine, bevibile e incisivo. Territorio e carattere.

Vigna Doghessa, Nittardi - Profondo, scuro, provvisto di un sorso compatto, dritto e persistente.

Poggerino - Pieno, succoso, ma anche fresco, dinamico, ben articolato e lungo.

Le Corti, Principe Corsini Villa Le Corti - Fine e elegante all’olfatto e armonico in bocca. Una bottiglia ben riuscita.

Val delle Corti - Davvero buono, completo, dall’acidità al lungo finale, passando per la fitta trama tannica. Si esalterà a tavola con numerosi piatti.

Vecchie Terre di Montefili - Nobile, si concede un poco alla volta, ma infine sfodera la sua vera anima da Chianti Classico con viva acidità, tannini fini e ottima bevibilità.

CHIANTI CLASSICO DOCG 2015

Le Cinciole - Vivo, equilibrato, un’interpretazione del territorio tutta in freschezza.

CHIANTI CLASSICO DOCG 2014

Castell’in Villa Ha un naso floreale arricchito da ciliegia sotto spirito. Al palato è snello, fresco, scattante. Millesimo e terroir.
(continua...)


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search