Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'azienda
di C.d.G.


(Gianluca Bisol ed Elisa Dilavanzo)

di Maristella Vita

Sul lato meridionale del Parco Regionale dei Colli Euganei (Baone, in provincia di Padova), una cascina e la sua cantina, sul monte Pirio, s’incontrano. 

I vitigni, in pendenza collinare, sono pronti per la vendemmia e si incrociano tra loro elegantemente come a creare una cornice per "Maeli Wine", Azienda Vitivinicola che con amore accompagna l’uva a “fiorire” nei vini di questo territorio, culla di eccellenza. Un terreno vulcanico, minerale e salato ospita in 3 ettari e mezzo le viti. Un terroir di storia secolare che non può che donare una particolarità unica ai suoi frutti; ed il vino Maeli ne è riconoscente, come noi d’altronde quando portiamo un calice di Fior d’arancio, alle labbra. 

Il colore oro tipico dell’acino del moscato giallo, qui vinificato secco, prodotto molto caro all’Azienda, è piacevolmente persistente in calice. La salinità del terreno segue l’assaggio, ed è geniale. Elisa Dilavanzo, che oggi è alla guida di Maeli Wine, il suo Fior d’Arancio ce lo consiglia in abbinata a dei piatti fragranti e sapidi, piuttosto della solita pasticceria. Vi stupirà, ci assicura, e c’è da crederle, dati i suoi trascorsi di sommelier apprezzati e premiati. Elisa è l’identità di Maeli. Ex Miss (ha partecipato anche a Miss Italia), lascia la moda e lo spettacolo per seguire un istinto che la porta sulla via del vino. Studiando e viaggiando si è creata un grosso bagaglio di conoscenze di settore; ed oggi il vino lo produce lei, ed anche bene. L’Azienda è gestita da Elisa e dalle sue appassionate collaboratrici, una squadra quasi totalmente in “Rosa”, se non per l’Enologo Andrea Boaretti, e per i viticoltori locali presenti durante la vendemmia. “Fior d’Arancio”, “Infinito” Bianco (uvaggio tra Moscato e Chardonnay), ma anche Rosso (Cabernet Sauvignon, Merlot, Carmener) e “D+” (Merlot, Cabernet Sauvignon, Barbera): sono blend interessanti quelli di Maeli, come il team che li ha pensati e realizzati.


Ad esempio, versato in calice ad una temperatura tra gli 8 ed i 10 gradi, il Bianco Infinito Maeli. abbinato ad un tramonto di fine estate, è da provare. Un altro plus di Maeli è il rapporto con i fratelli Gianluca e Desiderio Bisol. Hanno portato da Valdobbiadene e dalle zone del Prosecco Superiore Docg, sul monte Pirio, la loro esperienza ereditata grazie secoli di produzione familiare di grandiosi spumanti. Una sinergia che sta raggiungendo ottimi risultati e riconoscimenti sia in Italia che all’estero. In Maeli traspare inoltre un binomio decisivo. Il rispetto dei Colli e delle tradizioni rurali euganee, unito alla volontà di sperimentare anche qualcosa di nuovo, perché no. Una buona stella insomma quella sopra Maeli.

Ma Elisa e "Maeli" non si fermano qui. Uno dei progetti più smart partirà a breve; si potrà soggiornare ospitati da Maeli nella cascina, affianco alla cantina, nel verde dei Colli Euganei, come fu per il Petrarca, qui vicino, ad Arquà. La cascina è un edificio rurale, ristrutturato con stile, ha dettagli di design creativo, intrigante come tutto quello che riguarda Maeli. Le tre spaziose camere ed il soppalco hanno tutte una vista suggestiva sul Parco e sulle vigne. La sensazione è di una vera pausa dal caos cittadino grazie anche allo studio dei colori dell’arredo; ritornano infatti quelle tonalità bianche, beige ed arancio dei loro vini. Conclusione “di-vina” per una Wine experience. Il lancio sul portale Booking sarà il 18 settembre.

Maeli
via dietro Cera, 1 - Baone (Pd)
0429 538144
www.maeliwine.it
 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search