Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 27 Luglio2021
Adriano Pizzurro

Nuove aperture e poi varcare lo Stretto. E magari i confini nazionali.

Sarà una fine d'anno molto impegnativo per Sfrigola, il format nato a Palermo che vende arancine preparate a vista. Intanto la stretta cronaca. E ne parliamo con Adriano Pizzurro, ideatore insieme al fratello Emanuele del format Sfrigola. L'apertura di due nuovi locali. Uno a Palermo, in via Maqueda 223 e uno a Cefalù, in provincia di Palermo, cittadina celebre per il mare e il Duomo patrimonio Unesco, in corso Ruggero, 53. Che si aggiungono a quelli di Palermo in corso Calatafimi, 11 e quello di Erice in via Vittorio Emanuele e portano ad un totale di 4 negozi. "Il negozio di Palermo è stato dato in affiliazione alla famiglia Balistreri - spiega Pizzurro - mentre Cefalù lo ha preso un giovane, ma noi lo seguiremo molto da vicino". Perché l'obiettivo dei Pizzurro è che l'arancina mangiata a Palermo, sia esattamente identica anche a Cefalù o nei nuovi negozi che arriveranno. "Un punto fermo del nostro progetto - dice Pizzurro - Il nostro franchising si sta espandendo pian piano e l'obiettivo è quello di formare i nuovi affiliati al marchio per addestrarli alla perfetta preparazione dell'arancina". Le farce delle arancine partiranno tutti i giorni dai laboratori di Palermo: "Ai nostri nuovi affiliati faremo un corso di formazione spiegando loro le tecniche di preparazione delle arancine - dice Adriano Pizzurro - Ma esiste una regola ferrea: tutte le arancine vanno preparate davanti al cliente".

Il marchio Sfrigola, però, è destinato a varcare i confini dello Stretto: "Tra settembre e ottobre - dice Pizzurro - apriremo a Milano, all'interno di una cook room, una sorta di mini-centro commerciale con numerose botteghe di food & wine. Ma non posso dire altro. Ci sono dei ragionamenti in corso". Tra una domanda e l'altra, infatti, Pizzurro rivela di aver avviato i contatti per delle aperture all'estero, a Berlino e New York: "Vediamo, ne stiamo parlando. Intanto nei prossimi 12 mesi l'obiettivo è aprire tre punti vedita, magari due in Sicilia". Conti alla mano, per aprire un nuovo egozio a marchio Sfrigola, in base a vari fattori, dovrebbero servire tra i 50 mila e gli 80 mila euro di investimento iniziale. "La paura economica in un periodo storico così complesso come questo c'è ancora - dice Pizzurro - ma ho notato che si è un po' calmierata. Bisogna avere il coraggio di investire, di credere in una ripresa economica, nella ripresa in generale. Noi crediamo nella nostra terra, nel turismo, che possa far registrare numeri sempre più cospicui. Quest'anno dovremo fare altri sacrifici, ma siamo convinti che il prossimo anno si potrà andare alla grande". E ora le novità golose. Nel nuovo negozio di via Maqueda a Palermo si potranno gustare anche le cassatelle dolci con ricotta (tipiche di Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani). Anche qui la logica è la stessa delle arancine e quindi le cassatelle verranno preparate al momento: tirata la sfoglia, messo il ripieno di ricotta e fritte per essere date al cliente bollenti. Solo nei negozi di Palermo saranno in vendita due arancine in edizione limitata dedicate al pistacchio: una con stracciatella, l'altra con mozzarella di bufala. L'arancina del mese di agosto, invece, sarà fatta interamente di cous cous.

G.V.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Riccardo Camanini

Ristorante Lido 84

Gardone Riviera (Bs)

1) Sarda di lago affumicata e fritta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search