Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove mangio il 14 Luglio2020
Simone Strano

di Enzo Raneri

Simbolo emblematico del mare taorminese, Isolabella, da sempre circondata da leggende legate alla sua incantevole posizione, fu donata da Ferdinando I di Borbone al sindaco di Taormina, per poi essere acquistata nel 1890 da un’iglese in esilio volontario che creò sull’isola un vero e proprio giardino botanico, costruendo sulla sommità una casetta.

Dopo vari passaggi nel 1954 i nuovi acquirenti (della famiglia Bosurgi) realizzarono un villaggio con 12 appartamentini autonomi ed una piccola piscina nascosta fra rocce e piantagioni, ad uso degli amici. Negli anni '80 l’isola fu posta all’asta, ma, dopo essere stata dichiarata patrimonio monumentale da parte della Regione siciliana, fu espropriata per istituire una riserva naturale, la cui gestione fu affidata alla locale sezione del Wwf, poi alla Provincia di Messina, poi all’Università di Catania e infine dal 2010, con l'istituzione dei Parchi Archeologici, al Parco Archeologico di Naxos.

In questo contesto risulta come incastonato, il ristornate dell’Hotel La Plage, che oramai da un decennio almeno, ha razionalizzato l’uso di una parte della battigia che si trova di fronte la piccola isola. Il ristorante è comandato da Simone Strano, un vibrante e creativo chef. Propone accattivanti soluzioni gastronomiche al pubblico internazionale che da sempre ha goduto di questo magnifico panorama, con piatti essenziali e più innovativi.

Si inizia con una degustazione di pane e olio di oliva di una azienda locale e con un ottimo cocktail al frutto della passione. 

Poi un teorema di crudi di pesce, compreso (a richiesta) il cucchiaio di riccio di mare, e il tutto da condire a piacere. E il condimento messo a disposizione insieme al pitto, oltre ad olio extravergine, sono i sali (maldon, affumicato danese e alla cannella) e le zeste di agrumi locali (limone, mandarino e arancia). Notevole lo stacco gustativo prodotto dalle combinazioni di questi semplici ingredienti.

Una semplice insalata di mare con gamberi, calamari, cozze e polpo, unitamente a rucola e carote (sempre da condire a piacimento).

Ed ecco poi lelinguine con un denso condimento a base di ricci di mare: il riccio emulsionato produce una crema che viene solo esaltata dalle erbette e dagli aromi aggiunti a crudo.

Poi il piatto clou: un “arancino” di alici senza l'uso di riso, con un contorno di caponata in brunuoise e tartare di pesce spada: la sintesi fra mare e terra.

Concludiamo con un altro “arancino dolce” sempre senza l'uso di riso, ripieno di crema di ricotta e salsa di pistacchio di Bronte. Un dolce che spazia tra grassezza, dolcezza e la croccantezza restituita dall’involucro di pasta dolce e un pizzico di amaro donato dalla polvere di caffè inserita nella pasta.

La Plage
via Nazionale, 107/A - Taormina (Me)
T. 0942 626095
Chiuso: Mai
Ferie: Variabili, ma in inverno
Carte di credito: tutte
Parcheggio: no

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

3) Anatra, kumquat e semi di zucca

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search