Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 27 Aprile2011

«Un scelta incosciente del governo regionale. Verrà meno un valido intermediario e un supporto per lo sviluppo del settore vitivinicolo». È questa la reazione della sezione siciliana dell'Associazione italiana degli Enologi e degli Enotecnici alla notizia del progetto di «smembramento» dell'Istituto regione della Vite e del Vino previsto nella finanziaria 2011. Con l'Irvv dovrebbero cessare l'attività anche altri enti del settore che confluiranno nel nuovo «Centro regionale per l'innovazione in agricoltura».
Ma per Assoenologi Sicilia, il cui presidente è il marsalese Carlo Ferracane, si tratta di «una imposizione dall'alto fatta a prescindere dalle esigenze e dalla volontà dei siciliani». «Il venir meno di un soggetto come l'Istituto vite e vino - dice Ferracane - comporta il blocco di tutte le importanti iniziative in corso, come il protocollo con la Provincia di Trapani per rilanciare il Marsala, i vari concorsi e le borse di studio, l'istituzione del marchio denominato »Nero D'Avola Sicilia Qualità«, finalizzato alla certificazione dei vini prodotti con questa varietà di uve e imbottigliati nel territorio siciliano». Il presidente regionale dell'Assoenologi sottolinea, inoltre, l'importanza «dell'Irvv impegnato in questi anni nella diffusione e valorizzazione dell'identità del vino siciliano nel mondo, nonchè nella promozione di iniziative di ammodernamento del settore, con corsi di formazione per le risorse umane, progetto di internazionalizzazione per accompagnare il prodotto nei nuovi mercati, pubblicazioni editoriali sulle tipicità e sull'agricoltura siciliana, funzionalità dei laboratori, delle cantine e dei campi sperimentali, attività di marketing con i buyers esteri, coordinamento e organizzazione per la partecipazione delle aziende al Vinitaly e ad altre manifestazioni e fiere internazionali». 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Nino Ferreri

Limu - Bagheria (Pa)

2) Riso cicale di mare, limone e bottarga

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search