Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 26 Aprile2011

Assovini Sicilia esprime forte preoccupazione e si dichiara “fermamente contraria alla proposta di soppressione dell’Istituto Regionale della Vite e del Vino, ipotesi avanzata nell’ambito della manovra Finanziaria bis in discussione in queste ore all’Assemblea Regionale Siciliana e che prevede l’accorpamento di tanti enti diversi in un unico Centro regionale per l’innovazione in agricoltura”.
“L’Istituto Regionale della Vite e del Vino – prosegue la nota di Assovini - è stato determinante per la rinascita e l’affermazione sul mercato interno e internazionale del vino siciliano, ha svolto e svolge un ruolo fondamentale nella sperimentazione e per l’innovazione del comparto, garantisce i controlli per i vini a denominazione controllata, coordina la partecipazione delle cantine siciliane a manifestazione importanti quali il Vinitaly.
Se il vino siciliano ha riscosso tanti successi in questi anni in tutto il pianeta, se le sue aziende sono state indicate come un modello da seguire anche in altri comparti dell’economia dell’isola, se il vino siciliano è stato considerato uno dei migliori ambasciatori della nostra Regione e traino di tutta l’economia dell’isola, il merito è anche dell’Irvv che ha saputo operare con grande competenza, velocità e lungimiranza.
Oggi l′Istituto Regionale della Vite e del Vino, grazie alla sua specificità riconosciuta a livello nazionale ed internazionale, è un punto di riferimento per aziende, associazioni di produttori e diverse istituzioni, che con la loro partecipazione diretta, hanno costituito il punto catalizzatore della mission dei vini di Sicilia nel mondo. Pertanto, pur comprendendo la necessità di razionalizzare e far economia nel bilancio regionale, Assovini Sicilia si augura che venga accantonata subito l’idea di sopprimere un Ente che ha dimostrato di funzionare bene, e la cui soppressione sicuramente avrebbe effetti negativi sul settore vitivinicolo e non solo”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search