Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 02 Dicembre2020
Roy Caceres

di Stefania Petrotta

Crediamo di poter essere tutti d’accordo sul fatto che il 2020 sia stato (e sia tuttora mancando, ahinoi, ancora un mese alla sua conclusione) un annus horribilis da tutti i punti di vista: salutistico, economico, sociale.

Lo è stato per tutte le persone che hanno perso un proprio familiare o sono state male. Lo è stato per tutti noi che ci siamo ritrovati costretti a rinunciare agli abbracci dei nostri cari, ad andare al cinema, al teatro e a condividere tanti altri momenti di convivialità con gli amici. Lo è stato per tutti quelli che hanno perso il proprio lavoro, che sono stati messi in cassa integrazione, che hanno dovuto chiudere le proprie attività commerciali, o che si sono dovuti indebitare al fine, appunto, di non essere costretti a chiuderle. Noi, che lavoriamo nel settore, abbiamo contezza di quanto lo sia stato per gli albergatori e per i ristoratori, costretti dagli eventi e per la sicurezza dei propri clienti prima a chiudere, poi a riaprire adottando tutte le norme di sicurezza indicate dai vari decreti, e infine a richiudere. Cosa sarà di questo ultimo mese non si hanno certezze, si fanno congetture, ma non si sa realmente nemmeno se potranno ripartire e a quali condizioni. Sta di fatto che, a seconda delle nuove disposizioni imminenti, molti ristoranti decideranno di non riaprire comunque, perché un riavvio della propria attività senza garanzie di nessun genere, ed in primis temporali, comporterebbe un impegno economico gravoso che non tutti possono affrontare, specie dopo lo stillicidio dei mesi scorsi.

Ed è così che, in questo momento di uscita di guide, ci ritroviamo a riflettere sull’opportunità, proprio in quest’anno di lacrime e sangue, di rendere nota pubblicamente la perdita dei riconoscimenti da parte di ristoranti che hanno dovuto chiudere i battenti nella speranza di riuscire a riaprirli in un futuro prossimo. Al netto di quanti si siano domandati se per il 2020 non fosse forse il caso di “congelare” e rimandare tutto all’anno venturo, quello che oggi colpisce, proprio in virtù della recente maggiore sensibilità acquisita nei confronti del dolore altrui, è questa comunicazione pubblica di chi non ce l’ha fatta, di chi non è riuscito a garantire una continuità, non del proprio eccellente lavoro, ma dell’attività legata ad esso. Pensiamo a Roy Caceres, chef del ristorante Metamorfosi a Roma, una stella Michelin, un nome fra tanti, che conosciamo bene perché abbiamo avuto il piacere di averlo come ospite alla sesta edizione di Taormina Gourmet nel 2018. Proiettato, a detta dei più, verso la seconda stella, si è ritrovato a dover chiudere per le difficoltà legate al Covid-19 e, conseguentemente, a perdere la stella che aveva. Noi possiamo solo immaginarne lo sconforto, suo come di tanti altri che hanno percorso lo stesso cammino, e non solo quest'anno ma anche negli anni passati, la delusione e l’impotenza.

Non entriamo nel merito delle decisioni perché non ci compete e siamo consci che le regole del gioco siano queste, ma non possiamo fare a meno di chiederci se forse, magari appunto solo per quest’anno, ci si poteva limitare ad eliminare i nomi dalla guida senza dover fare subire loro anche l’umiliazione di un pubblico declassamento, dovuto più ad una situazione straordinaria che ad una reale mancanza da parte loro. Una riflessione che probabilmente non ha risposte ma che ci viene spontaneo fare, prima che da giornalisti, da esseri umani.

Commenti   

0 #3 mariagrazia 2020-12-03 11:20
ritengo che il buonsenso sia il sale della vita, in ogni circostanza ed in ogni Paese. se non si sa utilizzare la regola fondamentale non ha senso nessun giudizio
Citazione
0 #2 Francesco 2020-12-03 09:13
Basta guardare l'account Twitter della guida @guideMichelinFR per capire che stiano pompando solo il comparto interno. :-x
Mi domando se si possa ancora definire una guida "indipendente"
Citazione
0 #1 Marcello 2020-12-02 21:58
Penso sia davvero vergognoso sia stata sottratta la stella allo chef che L ha meritata con duro lavoro quando il gioco e le regole erano pari per tutti a bocce ferme del mercato . In un clima di morte e paralisi emergenziale come questo è davvero squalificante e crudele aver potuto permettere che accadesse ciò , doveva esserci un organismo vigilante che comunque permettesse la possibilità di una difesa ! Vergogna !!!!!!!!!!!!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

3) Anatra, kumquat e semi di zucca

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search