Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 15 Aprile 2011
di Redazione

Riparte, verso una soluzione definitiva, il lungo iter verso la Doc Sicilia. Il 19 aprile, infatti, il consiglio tecnico del Comitato nazionale tutela vini esaminerà la pratica inoltrata dalla Regione siciliana.

Si tratta del passaggio più importante per il riconoscimento della denominazione unica regionale, prima della pubblica audizione, alla quale saranno ammessi anche i produttori, e la discussione finale.
Se il comitato tecnico dovesse dare parere negativo, però, la pratica difficilmente arriverebbe all’ultimo passaggio e soprattutto il suo cammino diventerebbe piuttosto complicato.
Gli ostacoli che preoccupano gli sponsor della Doc Sicilia sono due e derivano entrambi da indicazioni arrivate da parte del Comitato nazionale tutela vini. Innanzitutto il cosiddetto “Parlamentino del vino” aveva chiesto una varietà caratterizzante per i bianchi e una per i rossi. Una condizione difficilmente accettabile perché si tratta di una necessità che contrasta con una Doc regionale che, al contrario, vuole unire le diverse anime del vino siciliano, che ha una base ampelografica vastissima. Piuttosto la Sicilia, nella proposta inviata a Roma, chiede più vitigni autorizzati per i blend: quattro per i bianchi (Insolia, Catarratto, Grillo e Grecanico) e quattro per i rossi (Nero d’ Avola, Frappato, Nerello Mascalese e Perricone) da utilizzare in entrambi i casi per almeno il 50 per cento, sia congiunti che disgiunti.
Un altro, discusso, aspetto è legato all’ambito aziendale: che obbliga il produttore a rispettare certe percentuali di produzione di vino da vitigni autoctoni se si vuole ottenere il marchio Doc Sicilia.
Il fatto è che la realtà viticola siciliana, per quel che riguarda le singole aziende, è estremamente frammentaria. E una denominazione regionale così strutturata rischierebbe di tagliare le gambe a molti: gli esperti dicono che nella migliore delle ipotesi solo il 10 per cento dei produttori potrebbe accedere al disciplinare. Da qui la richiesta, almeno, di una deroga, per dare la possibilità ad altri di mettersi in regola.
Questi gli argomenti all’ordine del giorno. Se ne parlerà martedì a Roma. A portare avanti le ragioni della Sicilia, due rappresentanti di primo piano dell’ assessorato regionale all’Agricoltura: Giuseppe Bursi, dirigente del settore vitivinicoltura e fautore della Doc Sicilia, e Antonella Di Gregorio, dirigente del servizio Promozione.

Marco Volpe


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search