Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 10 Ottobre 2011
di Redazione

Si possono sequestrare seimila bottiglie di un vino perché nell’etichetta manca la ragione sociale dell’azienda che lo produce? Per l’ufficio repressione frodi di Palermo la risposta è sì.

Si possono sequestrare. E per il titolare della cantina c’è anche la multa. E c’è anche il danno all’immagine. Ma quello non è quantificato. Le oltre seimila bottiglie di vino sono state sequestrate dall’ufficio repressione frodi del capoluogo siciliano. Ovvero cinquemila litri di vino.

A finire nel mirino il Kaid Syrah 2008 Igt dell’azienda Alessandro di Camporeale, in provincia di Palermo, il vino più importante della cantina. Il motivo del sequestro amministrativo? “Sull’etichetta non veniva specificata la ragione sociale”, spiega lo stesso Nino Alessandro, titolare dell’azienda. Un caso di burocrazia efficiente? Nino Alessandro preferisce non commentare. Leggendo il verbale del sequestro le cose stanno proprio così. “Si tratta di un uso improprio dell’etichettatura – spiega Antonio Raimondo dell’ufficio di Palermo dell’Ispettorato frodi – Nulla a che dire con la qualità del vino, ma purtroppo casi come questi sono all’ordine del giorno”.

Oltre al sequestro gli Alessandro dovranno pagare una sanzione amministrativa di 516 euro. “Una volta pagata la sanzione – continua Raimondi – potrà essere sostituita l’etichetta alle seimila e 252 bottiglie che a quel punto potranno essere rimesse in commercio”. Il rinvenimento dell’etichette errate è avvenuto durante uno dei controlli dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari.

C.d.G.

 


Commenti   

0 #1 gentile 2020-06-26 16:22
E'possibile etichettare solo con retro per un private label che poi apporrà sua etichetta ante
può l'imbottigliatore evadere ordine così concepito?
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

2) Gnocchi ripieni di baccalà mantecato, gamberi e spugnole

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search