Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 28 Giugno 2017
di C.d.G.


(Lucio Rossetto)

Lucio Rossetto, amministratore delegato di Lagardére, era presente stamattina all'inaugurazione del nuovo duty free all'aeroporto di Palermo, il secondo più grande d'Italia (leggi qui). 

Con il solito sorriso, Rossetto ha risposto alle domande dei giornalisti, partendo dai dati dell'investimento fatto per la nuova apertura di 1,5 milioni di euro. "E' stata una vera sfida questo duty free - spiega Rossetto - non tanto per la realizzazione della struttura o per come impostarla. La sfida è stata quella di capire che offerta proporre ai passeggeri in transito". Già, perché Rossetto aveva chiaro fin dal primo istante che a Palermo il duty free non avrebbe dovuto offrire i soliti prodotti che si trovano in tutti gli aeroporti italiani: "Questo perché la Sicilia è vista dai turisti come un mondo a parte, un continente - spiega - ed è qui che abbiamo deciso che, oltre ai soliti prodotti, che sono disponibili, avremmo inserito una vastissima offerta delle eccellenze enogastronomiche della Sicilia".

E così, negli scaffali, ci sono i vini delle cantine isolane, gli oli extravergine, i dolci, la pasta, i sughi, tutti rigorosamente "Made in Sicily". "Ma siamo davvero orgogliosi del punto bistrot che abbiamo ideato - dice Rossetto - che propone ai viaggiatori cibi salati e dolci tipici siciliani, come i cannoli e le arancine. Un ultimo assaggio di Sicilia prima di decollare". E proprio su questo mini-corner di sicilianità ci sono delle interessanti idee: "Stiamo pensando di inserirlo negli altri duty free che abbiamo sparsi per tutta Italia", rivela Rossetto. Il punto vendita siciliano, che ha permesso l'assunzione di 40 persone, è unico nel suo genere: "Nessun duty free possiede una così grande appartenenza territoriale - dice Rossetto - Qui bisogna parlare di cibo e di vino. Dove potrebbero essere realizzati i prossimi duty free improntati così? Mah, forse in Toscana, Campania o Emilia". Ma gli investimenti in Sicilia sono finiti? "(sorride, ndr) A Catania i rapporti, nonostante la fine del nostro rapporto con loro, sono rimasti buoni - spiega Rossetto - ma lo scalo etneo è più riservato ad una clientela business che turistica. Pensare ad un nuovo duty free lì? Magari in futuro". Lagardére, intanto, nel 2018 aprirà un altro duty free a Venezia.

G.V.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search