Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 05 Aprile2022
Matteo Ascheri - ph Vincenzo Ganci

di Giorgio Vaiana

Matteo Ascheri, presidente del consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani è davvero felice.

Lo percepisci nel tono della sua voce mentre scambiamo due chiacchiere al telefono. Oggi si conclude Grandi Langhe, l'evento del consorzio piemontese che è tornato in presenza dopo due anni a causa del Covid. Certo, i bilanci si faranno dopo, non appena le luci dell'Ogr di Torino (nuova e bella location scelta dal consorzio per questo evento) si spegneranno. Ma le sensazioni sono davvero positive. Sia dal punto di vista dei produttori che hanno potuto di nuovo fare assaggiare e raccontare i loro vini, sia da parte degli addetti ai lavori che avevano voglia di nuovo di normalità, che dai semplici appassionati, che avevano voglia di vedere quanto buoni fossero i vini dell'annata 2021. "Rivedersi è stato davvero molto bello, anzi dico entusiasmante - dice Ascheri - Tornare con queste manifestazioni in presenza è qualcosa di incredibile, soprattutto farlo all'Ogr, una location incredibile con un'organizzazione fatta molto bene". Tutti insieme i produttori di Barolo, Barbaresco e Roero per mostrare le potenzialità dei loro vini: "Stiamo vivendo un periodo d'oro - dice il presidente - Le cantine si sono svuotate rapidamente lo scorso anno e la nuova annata, la 2021, è fantastica e promette benissimo. Ora speriamo che tutte le nebbie possano diradarsi, dalla situazione pandemica a quella internazionale e che gli animi possano tornare sereni". Il 2021 è iniziato alla grandissima per il consorzio con numeri da record: "Mi piace sottolineare che questi numeri non sono arrivati per caso, ma sono il frutto di scelte fatte anni fa, di quelle legate alla nostra identità e al nostro teritorio. Noi facciamo vini riconoscibili, che sono legati indiscutibilmente alle vigne delle nostre zone, che possono spingersi in là nel tempo. Poi ci si è messo anche l'enoturismo. Gli appassionati adesso arrivano qui sempre più spesso, visitano le aziende, parlano con i produttori, assaggiano i vini. Non c'è niente di meglio".

Dopo la pandemia, però, c'è poco da stare tranquilli. La crisi internazionale tra Russia e Ucraina ha creato nuove incertezze. "Se parliamo dal punto di vista meramente commerciale, Russia e Ucraina non sono di certo due mercati fondamentali per i nostri vini. Erano due buoni mercati, certo, ma non di riferimento. Il problema della crisi, semmai, riguarda l'aumento, a volte anche di tipo speculativo, del costo delle materie prime, come il vetro, la carta, i carburanti. Anche il costo della vita è aumentato. E questo, gioco-forza, si ripercuote anche nel nostro settore. La gente ci pensa due volte prima di acquistare una bottiglia di vino". Un ritocco ai listini c'è già stato: "Non avevamo altra scelta - dice Ascheri - Tutto è in parte legato, come detto, all'aumento del costo delle materie prime, compresi i trasporti. Ma bisogna fare attenzione a non esagerare". Nel pomeriggio di oggi una serie di tavole rotonde dedicate ai cambiamenti sotto vari aspetti, da quello climatico a quello etico. "Con queste tavole rotonde non abbiamo di certo la pretesa di dare delle risposte - dice Ascheri - ma, seduti tutti insieme, possiamo farci delle domande, analizzare questi cambiamenti dal basso e capirne di più. Perché il rischio è che questi cambiamenti vengano strumentalizzati anche dal punto di vista economico. Noi vorremmo dare un nostro punto di vista, quello delle persone che vivono questo territorio". Ma qual è il cambiamento che spaventa di più il presidente: "Non quello climatico, devo essere sincero - dice - Ancora non siamo in grado di controllare il clima e non penso che ci riusciremo mai. Se deve grandinare, grandinerà. Penso di più ai cambiamenti legati al nostro eco-sistema. Il nostro è molto delicato. E' composto da tante famiglie, o da aziende familiari. E mi preoccupano questi investimenti che arrivano da fuori, quasi delle speculazioni. Il rischio è che questo nostro ecosistema, un po' come la barriera corallina, venga spazzato via. Il nostro obiettivo è quello di preservarci per conservare intatta tutta la nostra ricchezza familiare. Poi si sa, è una zona che fa gola a tanti e l'interesse è sempre alto. Ci fa piacere, non possiamo essere ipocriti. Ma bisogna stare sempre molto attenti". Intanto la prossima data di Grandi Langhe è stata già decisa. Si torna, anche in termini temporali, alla normalità: appuntamento sempe all'Ogr di Torino il 30 e 31 gennaio 2023.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search