Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 04 Gennaio2021
Daniele Accordini

di Maristella Vita

Da una recente analisi di Nomisma, la nota società di ricerche di mercato bolognese, emerge che gli Stati Uniti posizionano l’Italia al primo posto per l’origine di qualità dei prodotti alimentari, anche quando si parla di biologico.

Tanto che 8 persone su 10 sono disposte a pagare un prezzo più alto per avere la garanzia del "Made in Italy" nel Bio, specie per vino, olio extra-vergine e pasta. Non solo Stati Uniti potremmo dire però: nel 2020, sui mercati internazionali, le vendite di prodotti agroalimentari tricolori Bio hanno raggiunto i 2,6 miliardi/euro, ossia l’8% in più rispetto al 2019, una crescita maggiore rispetto all’export agroalimentare nel suo complesso, attestatosi al +3,5%. Un’escalation ben evidente nel lungo periodo, il decennio, che stacca un significativo +149%, oltre un terzo del quale (+38%) è rappresentato dall’export di vino. Dati questi che spiegano la scelta di molte realtà produttrici a riorientare la propria offerta produttiva in chiave di vino biologico, considerato il gradimento del mercato e la possibilità di spuntare prezzi remunerativi. È l’esempio della Cantina cooperativa Valpolicella di Negrar “Domini Veneti” (VR). Come ricorda l’enologo e suo DG, Daniele Accordini, un anno e mezzo fa veniva annunciato il potenziamento dello staff tecnico a favore dei soci viticoltori bio, al tempo una ventina di aziende per 77 ettari di vigneti. Oggi i viticoltori soci bio sono 36 e gli ettari 139, tra certificati e in conversione. "Siamo il più grande produttore di vini biologici in area Valpolicella Classica", dice.

Come ci siete riusciti?
"Non è stato il miraggio di un guadagno superiore. Ma il fatto di poter contare sulla presenza di tecnici di campagna che accompagnano i soci nella coltivazione della vigna, suggerendo loro ogni giorno e per singolo vigneto le pratiche colturali da adottare in base agli indici climatici. Aiutano poi ad espletare le attività burocratiche, come la compilazione del quaderno elettronico di campagna e assistono nei controlli periodici effettuati degli enti certificatori".

Non solo assistenza, ma anche formazione quindi…
"Certo. Innalzare il livello di professionalità dei viticoltori per noi significa formazione continua e nuovi investimenti sulle persone, un impegno che si traduce in garanzia per il consumatore, che chiede sempre più prodotti biologici garantiti e certificati di livello paragonabile a quelli convenzionali".

In concreto?
"Vini di qualità sempre maggiore. Ad esempio, l'ultimo nato, il Valpolicella Superiore Ripasso Doc Classico Biologico, insieme agli altri due vini bio, Amarone e Valpolicella, vengono prodotti con uve di vigneti certificati situati in alta collina, dove solitamente il clima è più asciutto e ventilato, e terreni inclinati che drenano meglio la pioggia. I vigneti sono interamente inerbiti. Per il Ripasso poi, le uve vengono vinificate fresche per la produzione di Valpolicella Superiore; la seconda fermentazione, il ripasso a contatto diretto con le vinacce dell’Amarone, dura 15 giorni per conferire corpo, alcolicità e complessità ad un vino ormai amato in tutto il mondo".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search