Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 18 Dicembre 2020
di Giorgio Vaiana
Dario Loison

di Maristella Vita

Gli manca la barba, ma forse le physique du rôle di Babbo Natale potrebbe anche confacergli.

In questi giorni concitati per uno come lui diventato grande producendo panettoni, fare battute sul Natale è facile, anzi no. Quella più ricorrente è, Dario, come vedi il rosso, ovvero il colore principe del Natale? Ma quest’anno dire rosso equivale a lockdown, e per tutti i pasticceri, quindi anche per Dario Loison, che questo novembre al Merano Wine Festival ha visto premiati con i Wine Hunter Award Gold (seconda vittoria consecutiva) il suo Panettone Agrumato e il Pandoro al Caramello salato, è sinonimo di “problemi”, come per tutti noi del resto. E lui spegne il sorriso sulla sua faccia simpatica.

Che Natale sarà quindi questo 2020? Come si potrà rispettare la tradizione?
“Una cosa (forse) è certa: che si rimarrà in casa e quindi si cercherà di creare il clima della festa tra le quattro mura amiche. Anche a tavola. Ed uno degli elementi che fa Natale è il panettone, dolce che in questi anni è diventato veramente nazionale. Anzi internazionale".

Già, il panettone è ormai conosciuto in tutto il mondo…
“Si, specie quello artigianale di qualità. Sono molti coloro che hanno migliorato in questi anni questo prodotto italiano. Il panettone è ormai un cult, è l’elemento che fa la festa, anche se a me piacerebbe destagionalizzarlo. Da tempo lavoro su abbinamenti dolce-salato in cucina con il panettone protagonista. È un ottimo modo ad esempio per utilizzare le rimanenze di questi giorni”.

Il pasticciere di Costabissara esporta in quasi 60 nazioni fino in Nuova Caledonia (Oceania)...
“Il panettone è cresciuto assieme al Made in Italy, uno stile cercato in tutto il mondo, anche per la cucina. L’abbinamento di questo pane dolce poi con le nostre eccellenze di qualità, lo rende unico e irresistibile. Le possibilità sono infinite: dal Chinotto di Savona (Presidio Slow Food), allo Sciroppo di Rose liguri (Presidio Slow Food), dal Mandarino tardivo di Ciaculli (Presidio Slow Food) alla Liquirizia di Sibari o il Fico della Calabria e le Mandorle di Bari e di Avola”.

E come vede il futuro del settore?
Con la qualità e la passione non ci sono problemi di futuro. Guardi, se c’è un premio a cui tengo molto è quello ricevuto dall’Istituto Filippin, riservato agli ex allievi, con motivazione: “Per aver saputo mantenere… uno sguardo sempre rivolto ai giovani ed alla loro crescita, sia personale che professionale. Nella nostra realtà produttiva, oltre a mia moglie Sonia che cura tutta la parte “sartoriale” di panettoni, anche la confezione, l’occhio, vuole la sua parte, opera anche mio figlio Edoardo, la nostra quarta generazione Loison.”

Solo panettoni?
No di certo, e poi noi veneti abbiamo anche il Pandoro…


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

2) Miskiglio lucano con ragù di salsicce, crema di cicoria, mollica e peperone crusco

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search