Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 07 Novembre 2012
di C.d.G.

“Avrebbe un forte significato mediatico e simbolico, ma senza politiche concrete rimarrebbe solo un segno fine a se stesso” – esordisce con queste parole il direttore e curatore delle Guide de l’Espresso alla nostra domanda su cosa ne pensa dell’appello di Cronache di Gusto al Presidente della Repubblica.

“Sono oramai anni – spiega Vizzari – che sostengo che in un Paese come il nostro abbiamo perso tante opportunità. Se ci si impegnasse puntando sulle nostre risorse primarie, tra cui anche il patrimonio artistico, il turismo e la nostra filiera agroalimentare insieme ai mestieri legati all’ospitalità, davvero l’Italia potrebbe avere un ruolo, anche nell’economia, di primo piano”.

Sullo stato della ristorazione italiana Vizzari ci riferisce: “Indubbiamente sono tempi durissimi ma obiettivamente devo ribadire che in Italia non si è mai mangiato bene come adesso. Potrà sembrare un paradosso ma la nostra ristorazione continua a fare progressi. La crisi di certo non aiuta – continua - né l'affermazione di novità, né la vita quotidiana dei ristoranti. Negli ultimi due anni ho visto chiudere un numero altissimo di ristoranti presenti in guida, più che negli ultimi dieci anni. Se si considera che in guida sono presenti presente solo le eccellenze, ovvero duemilasettecento ristoranti su centoquarantamila in Italia, questo è un segnale pesante”.

Infine chiediamo a Vizzari la sua percezione sulle prospettive di ripresa e le soluzioni per venire fuori dall’attuale crisi. “Sicuramente è necessario l’impegno di tutti a vari livelli ma nella stessa direzione. In Italia si creano spesso troppe iniziative scollegate che comportano grandi dispendi. Ciò è dovuto anche alla mancanza di un indirizzo generale e soprattutto di qualcuno che si prenda l’impegno di ottimizzare gli sforzi e gli investimenti”.
 

Daniela Corso


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search