Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 17 Settembre2021
Stefano Di Marzo

Vendemmia, le modifiche al disciplinare e il rinnovo delle cariche del consorzio dei vini d'irpinia.

Ne parliamo con Stefano Di Marzo, il numero uno del consorzio irpino. Un consorzio composto da 540 soci e che produce oltre 8,3 milioni di bottiglie (tra Greco di Tufo 3,2 milioni; Fiano di Avellino 1,9 milioni; Taurasi 830 mila; Irpinia 2,3 milioni). Sono duemila gli ettari rivendicati dal consorzio (600 per il Greco di Tufo, 400 di Fiano di Avellino e mille di Aglianico) che si trovano in 26 comuni per la Docg Fiano di Avellino, 8 comuni per la Docg Greco di Tufo, 19 comuni per la Docg Taurasi e per l'Irpinia tutti i comuni della provincia di Avellino. 

Come sta il vino dell’Irpinia?
"L’Irpinia è sicuramente un piccolo territorio da un punto di vista di bottiglie prodotte, circa 10 milioni, l’orografia prevalentemente non ci permette di crescere molto più di quanto abbiamo fatto negli ultimi anni, quindi la sfida non può che essere quella di fare tanto rumore con poche bottiglie, e cioè quella di continuare a posizionare verso l’alto le nostre denominazioni aumentandone sforzo dopo sforzo la generale reputazione".

Quale fase state attraversando?
"Il nostro consorzio, relativamente giovane, perché abbiamo avuto il riconoscimento ministeriale a settembre 2017, da qui a pochi mesi rinnoverà l’organigramma consiliare e quindi la presidenza, ma restiamo concentrati su una continua fase di divulgazione e promozione delle nostre 4 denominazioni".

Sul fronte della promozione quali iniziative in cantiere e quali progetti vi piacerebbe poter organizzare?
"Abbiamo appena fatto una masterclass con press-tour e trade stranieri. Stiamo organizzando una versione invernale di Ciak Irpinia nella prima settimana di dicembre, esclusivamente dedicata al Taurasi".

I vini dell’Irpinia si caratterizzano per una certa longevità. Ma dal punto di vista commerciale è una strada ancora poco percorsa. Cosa può fare il consorzio per migliorare questa prospettiva?
"In primis, proprio grazie allo sforzo del consorzio di tutela, lo scorso ottobre abbiamo ottenuto la modifica dei disciplinari di Greco di Tufo e Fiano di Avellino, con l’introduzione della menzione Riserva, modifica lungamente attesa dalle aziende, che premia proprio la straordinaria longevità dei nostri vini. E comunque. il Consorzio è impegnato con un ventaglio di attività, rivolte alla stampa specializzata ed al trade, tutte attività tese a trasferire consapevolezza delle straordinaria capacità delle nostre denominazioni di vivere nel tempo".

Quali modifiche volete apportare al disciplinare? C’è un progetto di aggiungere le menzioni geografiche come hanno fatto alcuni territori importanti del vino?
"Dopo la modifica del disciplinari di Greco di Tufo e Fiano di Avellino dello scorso ottobre che ha visto l’introduzione della menzione riserva per le due denominazioni, a breve raccoglieremo la modifica del disciplinare Irpinia. Avremo la possibilità di inserire le nuove tipologie Bianco Spumante, Rosso Spumante, Rosato Spumante, Aglianico Spumante, Aglianico vinificato in bianco spumante, Aglianico vinificato in bianco, Falanghina Passito. Ma non solo. Sarà introdotta la sottozona Campi Taurasini. "Salta" il vincolo sulla percentuale della composizione varietale su Irpinia Bianco, Rosso e Rosato, così come si ridurranno i tempi di permanenza in bottiglia per spumante metodo classico, passando da 20 a 18 mesi. Per quanto riguarda gli spumanti, amplieremo le tipologie, andando dal dosaggio zero al dolce per quanto riguarda Spumante Falanghina, Fiano e Greco che scenderanno di grado alcolico, passando da 11,5 a 11. Sara ampliata anche la scelta per le bottiglie e per i tappi".

Come è andata la vendemmia 2020 e come si prospetta quella del 2021?
"La vendemmia 2020 non è stata particolarmente generosa di grappoli, condizioni meteo e caldo record hanno sicuramente inciso sulla produzione, ma l’Irpinia è una bolla continentale, protetta dall’Appennino, dall’influsso positivo del mare, con importanti riserve idriche e forti escursioni termiche giorno notte, quindi di condizioni meteo estreme od eccezionalmente calde, paradossalmente, ne beneficiano i nostri vitigni indigeni che sono, dal canto loro, tradizionalmente generosi di acidità importanti e ph bassi. Idem possiamo dire per la 2021, una primavera molto piovosa, con gelate tardive che hanno prodotto un po' di danni, con un'estate eccezionalmente calda e tendenzialmente siccitosa. Ci aspettiamo una produzione meno generosa degli ultimi anni, con condizioni medie di ottime maturazioni zuccherine, fenoliche e concentrazione dei nostri vini, ma come è risaputo, da noi la vendemmia è tendenzialmente tardiva, manca ancora qualche settimana, e finchè l’uva è in vigna può ancora succedere di tutto, per un bilancio completo aspettiamo ancora un po’".

Tra pochi mesi siete chiamati a rinnovare il cda. Il presidente Di Marzo è disponibile per un terzo mandato?
"Sinceramente ritengo che, luoghi della rappresentanza di un comparto così importante come il nostro, si debbano caratterizzare per un rapido avvicendamento al vertice. Penso sia importante rinnovare la lena al consiglio ed all’ufficio di presidenza. Questo non solo è importante perché rinnova il bagaglio di entusiasmo alla guida del soggetto collegiale, ma soprattutto diventa messaggio positivo per tutti i soci, chiunque può misurarsi con questo faticoso impegno ma ricco di crescita umana e professionale per chiunque vi si cimenti".

F.C.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search