Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La birra della settimana il 06 Dicembre2020

di Andrea Camaschella

Stefano di Stefano ha un passato e un presente che lo rendono credibile qualsiasi produzione decida di fare, qualsiasi birra decida di produrre, fosse anche uno stile totalmente inventato.

Stefano ha lavorato al Birrificio Italiano, di Lurago Marinone e a Lambrate, in quel di Milano, due tra i birrifici della primissima ora, quel 1996 che datiamo come anno "0" della birra artigianale italiana. Anche Stefano è un pezzo di storia della birra in Italia e la sua esperienza gli permette di cimentarsi davvero in ogni campo, anche se i birrifici citati sono famosi soprattutto per birre a bassa fermentazione. Il birrificio Argo, che ha aperto e conduce in società con Veronica Bianchi, è però defilato, come il carattere dei due protagonisti di questa storia. Le birre guardano, dai nomi agli stili scelti, ai viaggi, i tanti viaggi in giro per il mondo, per inseguire – anche ma non solo – la passione per le birre. Ecco perché in pochi ci aspettavamo una Italian Grape Ale e ce la aspettavamo pure molto buona sin dalla prima uscita. Una birra locale, con mosto di Malvasia e un nome che richiama altre suggestioni italiche, benché storiche e canore.

La Mille Bolle Gialle è limpida, di colore giallo paglierino, con una schiuma bianca ma evanescente, si confonde, all’aspetto, con un vino bianco. L’olfatto è ricco, appagante, con profumi ampi e profondi, si va dalla frutta acerba e si arriva alla frutta matura – polpa bianca e gialla, anche tropicale – floreale, erbaceo, miele, un tocco di balsamico. Si apre stando nel bicchiere e non decade ma anzi invoglia a cercare e riconoscere nuovi profumi prima di ogni sorso. In bocca la prima cosa a colpire è la bollicina: fine, piacevole accompagna delicatamente la bevuta, esaltando alcuni sapori e alcuni aromi, smussandone altri. Corpo tre l’esile e il medio, sembra in realtà lievemente più alcolica della realtà, ma fa parte del suo carattere vinoso, accogliente, il bilanciamento sui sapori è perfetto e il finale secco spinge al sorso successivo, mentre un lieve tannino, il sapore acido e l’astringenza, appena accennati, ne svelano il carattere e al tempo stesso la sua delicatezza. Birra piacevole da bere, un sorso tira il successivo, che può stare anche a tavola e anche con piatti impegnativi: io l’ho bevuta con un formaggio francese di alpeggio, il Beaufort – Savoie, a pasta pressata, grasso, ben stagionato, di gran carattere, ha creato un abbinamento per affinità e contrasto al tempo stesso, davvero piacevole. In attesa che i tempi migliorino e che il lavoro torni quello di sempre, per tutti i birrifici, questa birra si farà attendere, ma appena i ragazzi di Argo ne produrranno un nuovo lotto, non lasciatevelo scappare: non vi deluderà come non deludono le altre birre che producono.

Rubrica a cura di Andrea Camaschella e Mauro Ricci

Birrificio Argo
Via G. di Vittorio, 78/A - Lemignano di Collecchio (PR)
Tel. +39 329 144 8831
Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.birrificioargo.com

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

3) Spigola, limone candito e emulsione di spigola

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search