Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 09 Giugno2015

di Dalila Salonia

Splendida lectio magistralis sul Barolo, organizzata dalla Fondazione italiana sommelier e condotta da Massimo Billetto ieri allo Sheraton di Catania.

Billetto, docente del world wide sommelier e coautore della celebre guida Bibenda, ha raccontato con passione la propria terra d’origine, le Langhe.
Protagonista dell’incontro il Barolo, fiore all’occhiello dell’enologia piemontese: “Se fino a sessanta anni fa il Piemonte era una delle zone più povere zone d’Italia, oggi grazie al vino si conferma invece come l’area con il maggiore reddito pro capite – ha detto Billetto -. Credere nella terra e nel vino rende possibili grandiose trasformazioni”.

Immancabile il paragone enoico con il terroir dell’Etna, con cui secondo Billetto, il Piemonte condivide una caratteristica importante: l’identità forte che si traduce in riconoscibilità del prodotto finale.

In degustazione sei diverse interpretazioni di Barolo, tutte espressioni di un unico grande vino
 
Barolo Terredavino Essenze annata 2008

Barolo di assemblaggio da vigne tutte comprese nel comune di Barolo. Alla vista, rubino scarico con riflessi granata, aroma morbido che rivela la differenza con tutti gli altri vini in degustazione: la maturazione in barrique che conferisce rotondità e minore complessità olfattiva. Vino di moderna interpretazione, allo scaffale in enoteca a 25 euro.
 
Barolo Oddero annata 2010

La cantina Oddero, presente nel cuore del comune di la Morra dal 1878, è la cantina produttrice di questo Barolo dalla grande complessità aromatica. Colore tipicamente scarico del vitigno e naso ampio con aromi pungenti, speziati, note ferrose, sensazione di balsamicità ma anche lieve punta vegetale per poi virare sulla china e il rabarbaro e il marker tipico delle radici. 25 euro allo scaffale.
 
Barolo Gianni Gagliardo 2010

Barolo di assemblaggio da 4 differenti vigne. La cantina produce nei piccoli vigneti di proprietà nei comuni di La Morra, Barolo, Monforte, Serralunga e Monticello d’Alba. Vino dinamico con attacco pungente, evoluzione morbida e liquirizia in coda. Risultato eccezionale in linea con l’annata e grande potenziale evolutivo. 50 euro allo scaffale.
 
Barolo Cannubbi Damilano 2011

Uno dei pochi veri grand cru presenti nella zona di Barolo. Prodotto nelle colline di Canubbi (Il vigneto Cannubi è infatti il più famoso e rinomato cru già citato in antichi documenti che risalgono al 1700). Vino di carattere e dal grande equilibrio, potenza ed eleganza per un risultato finale che coniuga struttura e morbidezza. 50 euro allo scaffale.
 
Barolo Borgogno riserva 2003

Grandissima personalità per questo Barolo, appagante pur nelle lievi asperità.  Affinamento di sei anni in legno. Tannino maturo, ma più amarognolo rispetto agli antecedenti. Caratteri ancestrali, note mentolate e lunghissima persistenza e lunghezza in bocca. 60 euro allo scaffale in enoteca.
 
Barolo Cascina Francia Giacomo Conterno

Cantina storica e vigneto Cru sul versante occidentale del settore più meridionale del comune di Serralunga d’Alba, giacitura tra i 360 e i 445 metri sopra il livello del mare. Il vigneto Cascina Francia, con vigne che hanno al minimo 30 anni di età, ci dona questo Barolo dalla grande potenza espressiva ma eleganza al contempo. Complessità aromatica, longevità e sapidità equilibrata dalla rotondità del tannino. 160 euro allo scaffale.
  
A fare da filo conduttore, un ricorrente colore tendente al granata e l’austerità aromatica di tutti i vini in degustazione, vini terrosi, complessi, espressivi.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search