Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 04 Ottobre 2019
di Fabrizio Carrera


(Angela e Marianna Velenosi)

di Marco Sciarrini, Roma

Il Piceno incontra la Città Eterna e lo fa attraverso due interpreti ispirati: da un lato Angela Velenosi che, insieme ai suoi vini, è diventata ambasciatrice di questo territorio ricco di suggestioni e gusti unici, dall’altra Francesco Apreda, eclettico chef alla guida di Idylio, il ristorante gourmet all’interno del The Pantheon Iconic Rome Hotel, nel cuore della capitale.

L’appuntamento è una felice occasione non solo per far incontrare i vini dell’azienda di Ascoli Piceno con la proposta gastronomica di chef Apreda, ma anche per il debutto ufficiale di Marianna Velenosi, figlia di Angela, che da settembre 2019 è responsabile marketing e controllo di gestione dell’azienda. L’opportunità è stata anche quella della presentazione dell’ultimo nato di casa Velenosi, presentato in anteprima a Vinitaly, si tratta di Verso Sera, un Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Docg 2017, che raccoglie in bottiglia tutta l’esperienza maturata dall’azienda. Verso Sera si caratterizza per un colore rosso rubino intenso, quasi impenetrabile. Al naso si rivela intenso e completo, con sentori di frutti maturi, prugno, mora e ribes, che si aprono in un bouquet speziato dal va dal tabacco al cuoio. Al palato si presenta di grande carattere e complessità, dalla struttura possente con un tannino morbido e vellutato.  Insieme a Verso Sera, il pranzo ha visto in assaggio anche altre referenze simbolo della cantina, dalle bollicine del Grand Cuvée Gold 2016 al Rêve Offida Docg Pecorino 2017, dalla Lacrima di Morro Doc Superiore 2018 al Ludi Offida Docg Rosso 2016 fino al Vino e Visciole.


(Angela Velenosi, lo chef Francesco Apreda, Marianna Velenosi)

In questo contesto di eccellenza non poteva mancare in degustazione l’etichetta simbolo di Velenosi Vini, il pluripremiato Roggio del Filare che, nella sua vendemmia 2016, ha già conquistato importanti riconoscimenti, dai Tre Bicchieri 2020 appena conferiti dal Gambero Rosso alle 4 viti della Guida Vitae 2020 (edita dall’Associazione Italiana Sommelier), dai 97 punti su 100 dell’Annuario dei Migliori Vini Italiani del 2020 di Luca Maroni fino ai 96 punti della guida Doctor Wine e la Corona del Pubblico nella nuova edizione dei Vinibuoni d’Italia del Touring Club Italiano. Il Roggio del Filare è un blend di Montepulciano (70%) e Sangiovese (30%) dal colore rosso vivo brillante con lievi riflessi granati. Intenso e complesso al naso, con sentori di frutti scuri come prugna e mora, rivela un bouquet di spezie dal grande fascino. In bocca conferma tutto il suo carisma. Vellutato nella polpa, possente nella trama, tannico, fruttato e speziato. Il sapore è caldo e persistente, corposo e armonico. 

Dal canto suo Francesco Apreda, con il suo menù intrigante, ha giocato con consistenze e sapori per valorizzare le complesse sfaccettature dei vini firmati Velenosi.Dopo un aperitivo in abbinamento alle bollicine del Gran Cuvée Gold 2008, le capesante impanate e tartufo nero hanno esaltato il Rêve 2017, Pecorino in purezza dalla grande struttura e opulenza, per poi passare al risotto alla cipolla rossa e foie gras, pensato per accompagnare il Roggio del Filare 2016 (Montepulciano 70% e Sangiovese 30%) e la Lacrima di Morro Superiore 2018, dalla struttura tannica equilibrata e ben armonica, proseguendo con il petto d’anatra alle spezie, scarola alla partenopea, che hanno accompagnato Verso Sera Montepulciano D’Abruzzo Colline Teramane Docg 2017 e Ludi Offida Docg 2016, blend di Montepulciano (85%), Cabernet Sauvignon (8%) e Merlot (7%) e chiusura in dolcezza con ricotta e visciole, perfetto pairing per il Vino e Visciole prodotto da Velenosi. 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

3) Faraona ripiena con il suo filetto tartufato e verza

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search