Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 29 Maggio 2020
di Giorgio Vaiana

di Federico Latteri

Produrre vini di alta qualità è la nuova sfida della famiglia Neri. Un investimento fatto nella consapevolezza delle grandi potenzialità del territorio.

Ci troviamo a Linguaglossa, piccolo centro situato nell'estremità orientale del versante nord dell'Etna. Qui i fratelli Salvo e Fabio Neri hanno creato lo splendido resort di lusso con spa Villa Neri e l'agriturismo Casa Arrigo, strutture in grado di offrire ai turisti servizi al top. “La nostra famiglia possiede vigneti ed oliveti da quattro generazioni. Ci siamo resi conto che era il momento giusto per estendere la nostra attività imprenditoriale al settore agricolo con la creazione di un'azienda moderna. L'unione tra strutture ricettive e prodotti del territorio è vincente e rafforza l'offerta” spiega Salvo Neri, precisando poi: “Questo nuovo progetto, oltre ad essere condiviso da mio fratello Fabio, coinvolge la nuova generazione della famiglia”. Nulla è stato lasciato al caso, ogni dettaglio è stato curato con la massima attenzione, dalla vigna all'imbottigliamento. Per quanto riguarda la parte enologica c'è la collaborazione di Calogero Statella, professionista molto apprezzato, da diversi anni direttore tecnico di Tenuta delle Terre Nere, una delle aziende etnee più importanti. I vigneti si estendono complessivamente per quattro ettari e mezzo. Tre ettari si trovano in contrada Arrigo, nelle immediate vicinanze del resort e dell'agriturismo. Sono costituiti da un ettaro con viti di 30-60 anni di Carricante, Catarratto e Nerello Mascalese più due ettari impiantati nel 2018 con le stesse varietà e leggera prevalenza delle uve a bacca bianca. Un altro ettaro e mezzo con piante di Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio di oltre 70 anni di età si trova in località Borrigliona.

Per quanto riguarda il sistema d'impianto sono presenti sia la spalliera che l'alberello etneo sostenuto dal palo di castagno. Si pensa già ad una crescita con l'acquisto di nuovi vigneti o nuovi impianti. Nel 2018 è stata fatta la prima vendemmia con la realizzazione di due etichette Etna Doc, un bianco e un rosso, per complessive 4.350 bottiglie, quantità che è salita a 10.300 con l'annata 2019. Importante anche la produzione di olio extravergine di oliva dal cultivar locale Nocellara Etnea. Presto inizieranno le visite guidate in azienda con un percorso particolare che coinvolgerà i cinque sensi. Abbiamo degustato i due vini attualmente in commercio.

Di seguito le nostre impressioni più alcune informazioni tecniche.

Etna Bianco Doc 2018

Da uve Carricante e Catarratto. Viene affinato in serbatoi di acciaio inox sur lie per 6 mesi. Si presenta di colore giallo paglierino carico. Ha un naso fine e pulito di buona intensità con profumi di fiori gialli, pera matura e un cenno di erbe aromatiche tra le quali distinguiamo alloro e anice. Al palato è fresco, ben articolato e dotato della giusta consistenza. Lungo e sapido il finale. Si distingue per l'equilibrio dinamico di un sorso nel quale le sensazioni tattili e gustative si succedono in maniera ordinata. Può essere bevuto ora, ma è anche in grado di evolvere per qualche anno. Ne sono state prodotte 2.500 bottiglie.

Etna Rosso Doc 2018

Da uve Nerello Mascalese. La vinificazione prevede una macerazione sulle bucce della durata di 8-10 giorni. Matura in barrique di rovere francese di secondo e terzo passaggio. Il colore è un bel rosso rubino, scarico, ma molto vivo. E' elegante e variegato all'olfatto con sentori di frutta rossa come ciliegia, lampone e fragoline, seguiti da una speziatura che vede il pepe nero in evidenza. Il sorso è snello, disteso, intenso e lungo. La mineralità è evidente nella scia salina che si percepisce soprattutto in chiusura, dove inoltre riscontriamo note di pepe e un cenno di noce moscata. Compatti e ben levigati i tannini. Crescerà ancora con il tempo. Ne sono state prodotte 1.850 bottiglie.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

2) Miskiglio lucano con ragù di salsicce, crema di cicoria, mollica e peperone crusco

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search