Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'intervista il 18 Settembre2020
Tiziano Caruso

di Giorgio Vaiana

Sta cambiando il clima. E ce ne siamo accorti un po' tutti. Sono sempre di più gli episodi di "bombe" d'acqua o grandine e ormai non è inusuale vedere una tromba d'aria.

Segno della tropicalizzazione del nostro paese. Una tropicalizzazione che, però, sta cambiando, e tanto, anche l'agricoltura italiana. Ormai ci sono vendemmie sempre più precoci e anche per quanto riguarda il mondo dell'olio, le olive si raccolgono prima e stano trovando habitat fino a qualche tempo fa inimmaginabili. Ne abbiamo parlato con Tiziano Caruso, ordinario di Coltivazioni arboree presso l'Università degli Studi di Palermo. Con lui affrontiamo la delicata questione della nuova campagna olivicola in Sicilia. Che, come detto, si preannuncia tra luci e ombre. "Dal punto di vista quantitativo - dice il docente - si ripropone ormai la solita questione legata al clima. Un fenomeno, questo, che vediamo ormai determinante da tre anni a questa parte". Durante la fioritura, infatti, venti di scirocco vengono seguiti da forti nubifragi. "Fenomeni climatici - spiega Caruso - che colpiscono le piante e determinano un abbassamento produttivo". Dall'altro lato, però, i produttori di olio sono diventati più furbi: "Stanno migliorando anno dopo anno le loro tecniche colturali - dice il professore - e si tende a raccogliere l'oliva molto prima, non si attende quella super-maturazione tipica dei nostri nonni. Inoltre mi accorgo di come la tecnologia, soprattutto nei frantoi, stia diventando una componente fondamentale per la qualità dell'olio siciliano".

E proprio sulla Trinacria puntiamo i riflettori di questa campagna olivicola 2020. "Mi sento di dire che sarà una stagione un po' a macchia di leopardo - dice Caruso - Ossia ci saranno zone della Sicilia che avranno eccellenti raccolti sia in termini di qualità che quantità, altri che dovranno fare i conti, molto di più, con i cambiamenti climatici di cui vi parlavo poco fa". Tra le zone "fortunate", la Valle del Belìce e le aree interne dei monti Sicani. Mentre non arrivano buone notizie dal palermitano e dal messinese. C'è un altro problema che sta influenzando la raccolta delle olive. Ed è quello dell'umidità. "Abbiamo rilevato - spiega Caruso - un aumento del tasso di umidità un po' dappertutto. Questo favorisce le malattie fungine, come l'occhio di pavone, o quelle batteriche come la rogna. Un altro fattore che determina un aumento dell'uso dei parassitari. Ma ci consente, questo, di studiare ancora meglio come le diverse varietà siano più o meno resistenti alle diverse malattie".

Tropicalizzazione del clima, dicevamo, ma l'ulivo non è certo una pianta tropicale: "Assolutamente no - dice il professore - è una pianta mediterranea, da clima asciutto". L'olio siciliano, però, ormai da anni si sta distinguendo anche nel mondo. "Ormai è un'eccellenza riconosciuta - dice Caruso - e il brand Sicilia aiuta tantissimo il successo di questi oli e gli da un valore aggiunto. Al top secondo me ci sono le zone del siracusano e del ragusano, insieme alla Valle del Belìce. Mentre nel messinese c'è ancora molto lavoro da fare. Ma siamo sulla strada giusta". Ci sono delle zone da tenere d'occhio, per Caruso. E sono quelle di medio e alta collina. "Con i cambiamenti climatici - dice Caruso - credo che ormai le coltivazioni di ulivo siano sempre più destinate a salire di quota, tra i 300 e i 600 metri, nelle zone di medio-alta collina. Qui secondo me ci sono ottime potenzialità, a patto che ci sia acqua e che, soprattutto, i terreni consentano l'accesso ai macchinari per la raccolta".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search